Termoregolazione e Contabilizzazione del Calore: Proroga delle sanzioni

Termoregolazione e Contabilizzazione del Calore: Proroga delle sanzioni

—–Original Message—–
Date: Fri, 11 Oct 2013 13:55:09
Subject: Termoregolazione e Contabilizzazione del Calore – Regione Lombardia – Proroga delle sanzioni

      A s s o e d i l i z i a
                    e
   Federlombarda Edilizia  
 
Proroga sanzioni termoregolazione e contabilizzazione del calore.
REGIONE LOMBARDIA
 
La Legge Regionale lombarda 31 luglio 2013 n. 5, pubblicata l’1 agosto 2013 ed entrata in vigore il 2 agosto 2013, legge che titola «assestamento al bilancio» introduce all’art. 9
(«disposizioni non finanziarie»), comma 3, un differimento dei termini per l’applicazione della sanzione amministrativa prevista a carico degli inadempienti all’obbligo di
installazione dei sistemi per la termoregolazione degli ambienti e la contabilizzazione autonoma del calore alla data dell’1 gennaio 2017.
Ne consegue che l’obbligo di adeguamento degli impianti permane con le scadenze previste, l’ultima all’1 agosto 2014, ma qualora gli interventi non venissero effettuati affatto il soggetto
obbligato non sarebbe attualmente sanzionabile.

Il presidente Achille Colombo Clerici cosi’ commenta:« Ricordiamo che Assoedilizia aveva presentato istanza di proroga dei termini sostanziali fissati dalla Delibera Giunta Regionale.

La Regione ha disposto, viceversa, una sospensione sanzionatoria della quale sono rilevanti le premesse: la sospensione infatti é preordinata, dice il testo di legge, “nelle more di una
revisione complessiva delle misure finalizzate a estendere l’obbligo dei sistemi per la termoregolazione degli ambienti e la contabilizzazione autonoma del calore agli impianti di riscaldamento
al servizio di più unità immobiliari”.
A questo punto é legittimo pensare che il differimento della data di applicazione delle sanzioni, tra l’altro a lungo tempo, si fondi su un ripensamento da parte della Regione degli
obblighi imposti relativamente agli immobili esistenti e sulla conseguente determinazione di rivedere completamente la materia.
Ricordiamo che proprio Assoedilizia ha sollevato diverse eccezioni sulla legittimità di quelle imposizioni attuate con legge regionale, imposizioni che vanno addirittura al di là
delle direttive comunitarie che le hanno ispirate e che sempre Assoedilizia ha proposto ricorso straordinario al Capo dello Stato avverso la delibera di Giunta regionale
prescrittiva.»

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento