Telemaco Signorini e la pittura in Europa

Telemaco Signorini e la pittura in Europa

“E’ un Signorini artista decisamente internazionale quello che emerge dalla grande mostra “Telemaco Signorini e la pittura in Europa” in programma dal 19 settembre al 31 gennaio”, assicura
Federico Bano, Presidente della Fondazione Bano che con questa mostra apre la nuova programmazione espositiva di Palazzo Zabarella.

La Fondazione Bano e la Fondazione Antonveneta, che per questa grande impresa culturale hanno unite le forze, hanno affidato questo nuovo, importante capitolo dell’attività espositiva di
Palazzo Zabarella a un autorevole Comitato Scientifico composto dai maggiori studiosi della pittura italiana del XIX secolo. Alla Mostra, il Presidente della Repubblica ha voluto conferire il suo
Alto Patronato.

“La nostra scelta – afferma ancora Federico Bano nel presentare la mostra – è stata quella di proporre i massimi capolavori dell’artista toscano (ben oltre 100 le opere esposte, un album
di prestatori internazionale che allinea anche il parigino Museo d’Orsay, che per l’occasione presta il famoso quadro di Degas L’Absinthe, e l’Hermitage di San Pietroburgo) vis a vis con quelli
di altri grandi maestri della pittura europea del momento, da Degas a Tissot, Decamps, Troyon, Corot, Courbet, Rousseau”.

Un confronto affatto casuale ma attentamente mirato su assonanza di temi e di tempi, oltre che su reciproche frequentazioni e conoscenza. Così i suoi “interni” si accompagneranno a quelli
di Edgar Degas o Stevens, le vie di numerose città italiane ma anche francesi o inglesi saranno raffrontate ad analoghi soggetti dipinti da Tissot. Esempi di un affascinante itinerario
espositivo che documenterà l’intero percorso artistico di Signorini, presentando tutte le sue opere più significative e famose, arricchendolo di confronti forti, mirati, precisi,
mai pretestuosi, con gli altri protagonisti della storia dell’arte in Europa negli ultimi decenni dell’Ottocento.

Ne emergerà la grandezza del fiorentino, unico, o quasi, tra i Macchiaioli a godere, già in vita, di un successo e di un mercato veramente internazionali. A suo favore giocarono,
oltre all’indubbia maestria, la frequentazione dell’ambiente inglese di Firenze, i numerosi soggiorni prima in Italia e poi in Francia e Inghilterra dove entra in contatto con un ambiente
artistico in pieno fermento che certamente influenzò il suo stile. Fine intellettuale, Signorini venne riconosciuto in Italia e in Europa anche per le sue qualità di critico
militante, attento a ciò che accadeva nel mondo dell’arte ma anche nella società.

Di questa “attenzione al sociale”, per dirla con un linguaggio d’oggi, è emblema lo splendido, fortissimo olio scelto come “logo” della mostra. E’ la celeberrima “Alzaia” del 1864, dove
tre giovani maschi sono raffigurati nello sforzo bruto di trascinare controcorrente, piegati dalla fatica, un naviglio che nel quadro non compare ma di cui si intuisce la resistenza oltre che
l’esistenza. All’adesione all’estetica naturalistica di Proudhon si può, ad esempio, ricondurre la sua forte attenzione per emarginati e reclusi, attenzione declinata in numerose opere tra
cui quella “Sala delle agitate al san Bonifazio di Firenze” che susciterà l’ammirazione di Degas durante la visita allo studio di Telemaco nel 1875.

Impegnato nel sociale, certo, ma allo stesso tempo raffinato dandy, frequentatore assiduo dei salotti à la page, intellettualmente snob da dichiarare la sua preferenza per “l’imperfetto
dell’ingegno” rispetto al “perfetto della
mediocrità”. Non gli mancarono i riconoscimenti ufficiali (compresa la nomina a giurato della Biennale Venezia del
1896) ma le sue affermazioni taglienti e caustiche gli crearono anche molti nemici, tanto che un redattore della
“Rivista italiana”, parlando di lui, ebbe a scrivere che non vi era “nulla di sacro per quella bocca infernale dai bei
denti d’ebano”. Passioni, successi, incomprensioni, lotte che sembravano non scalfirlo.

Una apparenza che, nel privato, lasciava il posto ad una irrequietezza, ad una sotterranea insoddisfazione, ad una solitudine mitigata solo dall’affetto per la piccola Nene, ispiratrice delle
più poetiche opere della maturità. Nel 1893 sente il bisogno di riflettere sulla vicenda macchiaiola di cui era stato assoluto protagonista e pubblica “Caricaturisti e caricaturati
al Caffè Michelangelo”, un testo essenziale di critica e storia dell’arte declinate “a modo suo”, attraverso la chiave davvero inconsueta della caricatura. Tanto per non smentirsi.

Dopo “Telemaco Signorini e la pittura in Europa”, Palazzo Zabarella ha in programma (dal settembre 2010) una approfondita esposizione dedicata al Simbolismo italiano.

Informazioni:
tel. 39 049.8753100
info@palazzozabarella.it
ww.palazzozabarella.it

Leggi Anche
Scrivi un commento