Successo italiano per il secolare Ron Cubaney distribuito da Bonaventura Maschio

Gaiarine – Storia, tradizione, passione e avventura. Sono questi gli ingredienti del rum, ma più ancora del secolare Ron Cubaney, prodotto a Cuba a partire dal XIX
secolo dalla famiglia Oliver e considerato alla fine dell’800 fra i migliori rum del mondo.

Il Ron Cubaney torna oggi a brillare con orgoglio sulla scena internazionale, grazie alla solerzia di un discendente della storica famiglia che negli anni Ottanta ne ha ripreso la produzione
nell’isola gemella di Santo Domingo, e giunge finalmente in Italia, distribuito dalla Distilleria Bonaventura Maschio di Gaiarine, in provincia di Treviso, già nota per un prodotto
d’eccellenza, Prime Uve, acquavite d’uva.

Un debutto esplosivo sul mercato italiano quello del prezioso distillato, destinato a veri intenditori. In tre mesi di distribuzione, afferma Andrea Maschio, responsabile del progetto,
«molti dei migliori ristoranti, bar, enoteche hanno accolto con un notevole entusiasmo «l’esperienza Cubaney»». Quello che Bonaventura Maschio suggerisce agli operatori
del settore e agli appassionati è infatti una vera e propria esperienza, perché l’Azienda affianca alla proposta delle annate disponibili (una su tutte, il 25 anni) una serie di
supporti alla degustazione: lo specifico bicchiere per distillati affinati Kopernico, il relativo piatto in ceramica e un’offerta di abbinamenti consigliati per ogni annata. Accorgimenti
raffinati che hanno incuriosito gli appassionati e dato nuovi spunti ai professionisti del settore, coinvolti anch’essi in qualificate degustazioni in tutta Italia e specialmente nella Marca
Trevigiana.

Il rum Cubaney, disponibile invecchiato in botti per vari anni, dai 5 ai 25, è un distillato prezioso, leggermente abboccato e setoso, che si concede affascinante a chi ha la pazienza di
volerlo conoscere e gustare fino in fondo.
Si rivolge a un pubblico appassionato, attento ai «rum da meditazione», da degustare anche in abbinamento al cioccolato o ad un classico sigaro.

RON CUBANEY
Fin dall’epoca coloniale Cuba ha goduto di un’eccellente reputazione come paese produttore di alcuni dei migliori rum del mondo. Tra gli esempi più gloriosi della supremazia di Cuba
nella produzione di rum un posto d’onore spetta ai rum prodotti dalla famiglia Oliver nel XIX secolo. La loro è una storia che merita di essere ricordata.
Dopo essere emigrato a Cuba verso la fine del ‘700, Don Juanillo Oliver, il patriarca della famiglia, si dedicò alla coltivazione del tabacco e alla lavorazione dello zucchero di canna e
dei suoi derivati. Con il tempo gli Oliver si specializzarono nella produzione di rum, e già prima del 1870 i loro rum invecchiati erano considerati tra i migliori del mondo. Poi venne
la rivoluzione del 1959, e molti componenti della famiglia abbandonarono Cuba. I loro discendenti si dispersero nel mondo, stabilendosi per lo più in Europa e nelle Americhe.
All’inizio degli anni ’80, un membro della nuova generazione della famiglia fu in grado di ritornare a Cuba, e la sua curiosità riguardo al passato lo portò a immergersi e a
scavare nella storia che gli apparteneva. Ritrovò, tra gli archivi, centinaia di carte e documenti, e tra questi scoprì le indicazioni originali utilizzate dai suoi avi nel XIX
secolo per la produzione di rum. Incoraggiati dalla scoperta delle proprie radici, da quel momento i discendenti della famiglia Oliver si impegnarono in prima persona per far rinascere quel rum
cubano che già una volta aveva portato fama e fortuna.
La Repubblica Dominicana fu scelta come luogo di produzione ideale, grazie alle caratteristiche climatiche, geologiche e topografiche, che la rendono del tutto simile alla sua isola gemella,
Cuba. Fu assunto un gruppo di maestros roneros cubani, esperti conoscitori dell’arte del rum, che, con la loro grande esperienza, erano le figure essenziali per realizzare l’ambizioso progetto.
Con le prime bottiglie il sogno si è trasformato in realtà. Così dopo un’interruzione durata più di cent’anni, gli autentici e raffinati rum cubani prodotti nei
secoli passati dalla famiglia Oliver tornano oggi a brillare con orgoglio, destinati ai veri intenditori di rum.

Leggi Anche
Scrivi un commento