Sasso, la pietra migliare dell’olio di oliva, una tradizione che valorizza il made in Italy

Sasso, la pietra migliare dell’olio di oliva, una tradizione che valorizza il made in Italy

Sasso, lo storico brand di olio d’oliva dalla iconica latta verde, è stato ufficialmente riconosciuto Marchio Storico di Interesse Nazionale.  

L’istituzione di questo registro, nato nel gennaio 2020 per iniziativa del Ministero dello Sviluppo Economico, ha come obiettivo la valorizzazione e la protezione dei marchi che, da oltre mezzo secolo, hanno fatto la storia del Made in Italy e del tessuto imprenditoriale del nostro paese.  

Marchi, e quindi aziende, che hanno il merito di celebrare quotidianamente le tradizioni di eccellenza e le grandi ricchezze che rappresentano l’Italia nel mondo. Con oltre 150 anni di storiaSasso è testimone indiscusso di una grande tradizione fortemente radicata sul territorio nazionale e rientra, quindi, perfettamente nei criteri cardine istituiti dal Ministero dello Sviluppo Economico.  

Mosso da sempre da una grande attenzione ai gusti dei consumatori più esigenti, il brand Sasso è consapevole dell’impegno che questo riconoscimento porta con sé: rispettare e rinnovare costantemente la tradizione secolare di ricerca, di selezione delle materie prime e di controlli rigorosi, per garantire un prodotto di eccellenza.  

Siamo orgogliosi di aver ottenuto l’iscrizione al Registro dei Marchi Storici di Interesse Nazionale”,
afferma Roberto Sassoni, Direttore Generale Business Unit Italia di Deoleo “Sasso è un pilastro della storia olearia del nostro Paese e la tradizione e la valorizzazione del Made in Italy sono da sempre le nostre priorità. Offrire prodotti di qualità è un impegno che omaggia la nostra storia e rispetta i tanti consumatori affezionati che ci premiano ogni giorno con le loro scelte. Questo riconoscimento non è per noi solo un grande onore, ma rappresenta anche la spinta per un continuo miglioramento dei nostri prodotti olio e aceto”. 

 

About Olio Sasso

L’olio di frantoio ritenuto qualitativamente valido arriva agli stabilimenti Sasso, dove viene preparato il prodotto finale. Prima di entrare nell’area di Stoccaggio, l’olio sfuso viene nuovamente controllato per verificare il mantenimento di quelle caratteristiche di qualità già riscontrate durante la scelta in frantoio.

Superato il test, l’olio viene preservato in ambienti appositi studiati per la conservazione ottimale del prodotto. Attraverso il processo di Filtrazione, l’olio extravergine di frantoio è liberato dalle impurità ancora in sospensione, e dall’umidità. Il prodotto diventa così assolutamente trasparente e brillante. Prima di essere confezionato, un campione dell’olio così ottenuto viene inviato al laboratorio, dotato di moderni e sofisticati strumenti di analisi, per un ulteriore controllo qualitativo e di genuinità…
(Leggi tutto)

 

Redazione Newsfood.com
Nutrimento & nutriMENTE

Leggi Anche
Scrivi un commento