FREE REAL TIME DAILY NEWS

Salute, 6 dipendenti su 10 della pubblica amministrazione sono a rischio burnout

Salute, 6 dipendenti su 10 della pubblica amministrazione sono a rischio burnout

By Redazione

L’indagine globale è realizzata da Workday relativa ai settori lavorativi dove i dipendenti sono più a rischio burnout: secondo il report globale di “Addressing Burnout Risk in 2022”, la pubblica amministrazione è il settore in cui i dipendenti sono maggiormente a rischio burnout, a seguire i settori dei trasporti e manifatturiero.

L’industria in cui i lavoratori si dichiarano meno stressati si riconferma l’Information Technology visto che anche lo scorso anno era ultima in questa classifica.

La ricerca ha coinvolto 1,5 milioni di lavoratori di dieci settori industriali provenienti da 600 aziende di tutto il mondo;  ha analizzato in che modo si è evoluto il rischio di burnout nel 2022 in diversi settori e aree geografiche valutando le risposte dei dipendenti relativamente al fatto di essere sempre connessi, ai livelli di energia e a quelli di soddisfazione. Ha identificato alcune azioni chiave che i datori di lavoro possono intraprendere per ridurre il livello di stress dei lavoratori. Coltivare una cultura più comprensiva delle necessità delle persone, favorire la risoluzione dei problemi incoraggiando il dialogo e fornire ai dipendenti un obiettivo condiviso: queste sono le aree di intervento a cui dare la priorità.

A livello globale i dipendenti in Regno Unito e Francia hanno il maggior rischio di crisi psicologiche e fisiche causate dalla situazione lavorativa. 

Pubblica amministrazione, trasporti e manufatturiero sono i settori dove i dipendenti sono maggiormente esposti al rischio burnout. È questa la principale indicazione che emerge da una ricerca globale realizzata da Workday – Addressing Burnout Risk in 2022 – che tramite la soluzione tecnologica di coinvolgimento dei dipendenti Workday Peakon Employee Voice ha analizzato dieci settori industriali grazie al contributo di 1,5 milioni di lavoratori in rappresentanza di oltre 600 aziende in tutto il mondo. La ricerca ha analizzato come si è evoluto il rischio di burnout dal 2021 in diversi settori e aree geografiche valutando le risposte dei dipendenti relativamente al fatto di essere sempre connessi, ai livelli di energia e a quelli di soddisfazione; successivamente le risposte sono state classificate come rischio alto, medio o basso.

Rischio Burnout per settori produttivi

Lo studio ha rilevato che la maggior parte delle industrie analizzate ha registrato livelli maggiori di rischio di burnout nel 2022, rispetto al 2021. I settori produttivi che hanno operato in prima linea nella pandemia hanno registrato gli aumenti più elevati: in particolare 6 dipendenti su 10 della pubblica amministrazione sono a rischio burnout con un aumento del 16% dal 2021, mentre il settore dei trasporti è in seconda posizione con un aumento del 10% arrivando al 54% complessivo.

In terza posizione, ma in discesa di 11 punti percentuali rispetto allo scorso anno, c’è il settore manufatturiero (50%) mentre seguono il settore energetico(48%) e quello dei beni di consumo (43%) che sono rimasti invariati anno su anno. L’industria a meno rischio burnout si riconferma l’Information Technology visto che anche lo scorso anno era ultima in questa classifica (sempre ferma al 13%).

Come è possibile vedere da questo studio, il problema del burnout dei dipendenti è sempre più diffuso, tuttavia ci sono azioni chiave che i datori di lavoro possono intraprendere per ridurre il rischio tra cui: coltivare una cultura più comprensiva delle necessità dei lavoratori, favorire la risoluzione dei problemi incoraggiando un dialogo aperto e fornire ai dipendenti un obiettivo condiviso articolando la strategia organizzativa e il modo in cui le idee possano portare ad una nuova visione complessiva a favore del benessere dei lavoratori.

Rischio Burnout per aree geografiche

Il rapporto ha rilevato una variazione globale tra le 10 aree geografiche monitorate anno su anno, con sei nazioni che hanno visto aumentare il rischio burnout mentre altre quattro che hanno mostrato miglioramenti.

A livello internazionale i dipendenti in Regno Unito sono i più esposti al rischio burnout con il 41%, in crescita del 4% rispetto allo scorso anno. In seconda posizione ci sono i dipendenti francesi (39%) che, però, hanno registrato una diminuzione del rischio di burnout con una riduzione del 7% rispetto allo scorso anno.

In Europa il rischio di burnout rimane alto anche in altre nazioni: l’Olanda è in terza posizione con il 33% anche se in calo del 5%; la Norvegia ha visto un aumento del 9% anno su anno arrivando 20%; cresce anche la Danimarca seppur del 3% e continuando ad essere il fanalino di coda di questa classifica (11%). Da segnalare il forte calo dei dipendenti tedeschi che hanno visto abbassare il rischio burnout del 15%.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: