Rilanciare il vino italiano con la strategia delle «Sei Esse»: Servizio, Semplicità, Sostenibilità, Salute, Sensorialità, Sincretismo

 

«La conoscenza dei futuri trend di consumo e di prodotto è uno strumento essenziale per l’attività imprenditoriale e delle strategie d’impresa». Lo
ha rimarcato il presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni, nel corso dell’incontro a Roma, a Palazzo Della Valle, in cui è stato presentato lo studio «Il vino
nel mercato globale».

«Il vino, soprattutto all’estero – ha evidenziato il presidente – va proposto con la strategia delle «sei esse»: servizio, semplicità,
sostenibilità, salute, sensorialità, sincretismo».

Nel volume si riportato i risultati della ricerca «Come cambia il rapporto con il vino nella società italiana e nel mondo», commissionata da Confagricoltura alla Gpf
fondata da Giampaolo Fabris, per fornire elementi di conoscenza e strumenti che rendano più facili le decisioni commerciali delle aziende. L’intento dello studio è
quello di valutare i trend nazionali ed internazionali che caratterizzano l’evoluzione del rapporto tra consumatori e vini.

«Gestione e supporto alle imprese vitivinicole – ha spiegato il presidente di Confagricoltura – potranno essere garantiti solo con una conoscenza approfondita dell’attuale
situazione internazionale, caratterizzata da una forte richiesta di servizi, maggiore trasparenza informativa, equilibrio tra domanda e offerta di qualità e di prezzo. Elementi
questi che esercitano forti pressioni dei consumatori e dei distributori sul produttore, che deve rispondere attivamente a queste sollecitazioni».

Dalla ricerca emergono le nuove tendenze dei consumi, che puntano più sulla qualità che sulla quantità (qualità accessibile); che richiedono
«semplicità» ovvero un processo che renda il vino un prodotto «accessibile» ad un pubblico di non intenditori. Vino si concilia con salute (il bere
moderato) e con «sostenibilità», intesa sia in termini di attenzione all’ambiente che di consumo etico.

In conclusione è richiesto un approccio «sincretico», in cui confluiscano in una sola forma più funzioni: il vino si configura come un’esperienza
«totalizzante»; con una virtuosa contaminazione anche con mondi apparentemente lontani, ma influenti, sull’immaginario sociale e mediale contemporaneo (la moda, il
design, l’architettura). Il vino come rappresentazione di uno stile di vita.

Nella seconda parte dell’indagine vengono analizzate le tendenze di sviluppo per il vino italiano all’estero, in particolare in Usa, Russia, Cina, che sono tra i più interessanti
mercati di consumo internazionali. Il tipo di vino preferito, analogamente ai consumi, si conferma in tutti e tre i Paesi dell’indagine il rosso. Seguono il bianco, il
dolce-liquoroso, lo champagne in Russia e Cina (mentre negli Usa è al sesto posto subito dopo gli spumanti), il rosé e gli spumanti. Rimangono sensorialità e gusti
abbastanza diversi rispetto al palato e alla cultura italiana.

I sistemi di decodifica sono molto articolati nei tre Paesi. Per cui, ad esempio, facendo scegliere due gusti su sei, risulta che il dolce è particolarmente apprezzato nel
campione cinese, i vini giovani/leggeri lo sono di più in Russia, gli aromatici/fruttati/speziati in Usa (seguiti dai dolci). Seguono, significativamente, la scelta del
secco/fermo in Russia e Cina, dei corposi/maturi/invecchiati negli Usa e Russia. Le bollicine sono più apprezzate in Russia.

I Paesi produttori che nell’opinione del campione producono vini di qualità vedono l’Italia al secondo posto in Russia e Cina e al terzo negli Usa. Al primo posto negli Usa
troviamo i vini locali statunitensi, seguiti dai francesi. Ma quasi un 40% del campione non ha saputo rispondere.

«Se il consumo di vino nel mondo è in aumento – ha commentato il presidente di Confagricoltura – lo si deve ai nuovi mercati; la Cina in particolare sta facendo un buon
lavoro, perché sta cercando di diffondere la cultura del buon bere prima di quella del vino».

Dalla ricerca, nel complesso emerge che, nonostante la globalizzazione il vino Italiano gode ancora di un’eccellente immagine, paradigma di qualità, territorialità,
cultura, saper vivere e fare.

«La specificità del vino italiano – ha concluso il presidente Vecchioni – potrà avere ancora successo, se ben gestita e supportata».

Il Sistema delle Esse: Le chiavi di Volta per il vino del futuro
(in allegato il pdf)

 

Leggi Anche
Scrivi un commento