Pomarico (MT): “Biodiversità e prodotti tipici dell’area bradanica”, convegno organizzato dal Gal Bradanica

Pomarico (MT): “Biodiversità e prodotti tipici dell’area bradanica”, convegno organizzato dal Gal Bradanica

Pomarico (MT) – Nei prossimi giorni nella sede del Dipartimento regionale Agricoltura sarà convocato un incontro con i responsabili dei Gruppi di azione locale (Gal) per discutere
sulle priorità relative alle azioni sinergiche da intraprendere nello sviluppo rurale. Lo ha annunciato l’assessore regionale all’Agricoltura, Vincenzo Viti, intervenuto in agro di
Pomarico al convegno su “Biodiversità e prodotti tipici dell’area bradanica”, organizzato dal Gal Bradanica.

I Gal rivestono un ruolo decisivo per lo sviluppo rurale e dei territori dell’interno e dovranno mettere in atto la multifunzionalità nelle aziende agricole della Basilicata, con i
finanziamenti loro assegnati nell’ambito dell’Asse IV del Psr 2007-2013.

Nel Psr la Regione Basilicata ha previsto 39 milioni di euro, per il cosiddetto approccio Leader che prevede misure tese ad operare per lo sviluppo rurale, in una visione integrata. Il settore
primario lucano, e nello specifico l’area bradanica è altamente vocata alla multifunzionalità con notevoli peculiarità nelle aree ricche di biodiversità, nelle
emergenze paesaggistiche e architettoniche oltrechè dei prodotti tipici che occorre valorizzare per dare valore aggiunto alle imprese agricole.

In questo quadro la diversificazione economica nelle aziende, può avvenire anche con attività imprenditoriali integrative rispetto a quella primaria, ossia l’attività
agrituristica che è uno straordinario veicolo per far conoscere dal punto di vista turistico e agroalimentare il territorio.

A tal fine l’assessore Viti ha fatto presente come sia importante il lavoro dei Gal, che devono sempre meglio concertare la collaborazione pubblico-privato, per animare le varie aree nelle quali
operano le aziende agricole e agrituristiche.

E proprio l’interessante progetto di “Caratterizzazione dei percorsi di tipicità dell’area bradanica” realizzato in collaborazione tra Gal Bradanica, Cnr-Istituto di Genetica vegetale,
Centro tematico per la difesa della Biodiversità vegetale mediterranea e Acliterra mette in luce lo straordinario patrimonio a disposizione. In tale contesto si inserisce il museo vegetale
storico-naturalistico appena inaugurato presso l’azienda Agrituristica “Lama di palio”.

Secondo Viti gli attori principali di questo sistema sono appunto i Gal, ma occorre rilanciarli rilanciare affinché siano sempre più funzionali e in grado di leggere quello di cui
necessita il territorio. Il sostegno della Regione Basilicata nelle aree rurali dovrà quindi realizzarsi con il coordinamento del massimo Ente territoriale e coinvolgendo le realtà
locali per mettere in rete le aree rurali oltrechè lo scambio di esperienze tra i Gal e i loro Psl (Piani di sviluppo locale), azione fondamentale per il successo dei programmi che saranno
sviluppati nei prossimi anni.

Leggi Anche
Scrivi un commento