Podere Forte: La cristallizzazione sensibile per il giusto mix tra suolo, vitigno e assemblaggio

Podere Forte: La cristallizzazione sensibile per il giusto mix tra suolo, vitigno e assemblaggio

Castiglione d’Orcia – Un’istantanea sullo stato di salute della pianta e un campanello d’allarme per le criticità in vigna, così come nel prodotto finale. Il tutto, a partire dal semplice studio morfologico di cristalli ottenuti a partire dal terreno, dalle foglie di vite o dal vino. A Podere Forte, azienda agricola toscana da sempre alla ricerca della qualità assoluta del suo vino nel pieno rispetto dell’ambiente e delle energie vitali del contesto in cui opera, la cristallizzazione sensibile è una delle operazioni tecnico-scientifiche che fanno ormai parte del bagaglio culturale della cantina.

Il cuore di queste sperimentazioni è il laboratorio, uno dei più avanzati del suo genere, complementare e integrato con le attività produttive. Il laboratorio analizza sia le materie prime che quelle di trasformazione, fornendo dati in tempo reale e attivando collaborazioni con importanti istituti di ricerca. Le analisi effettuate dal laboratorio interno consentono, qualora sia necessario, di intervenire prontamente in tutte le fasi di lavorazione.

Il laboratorio si distingue però da tutti gli altri per l’utilizzo di apparecchiature speciali per la cristallizzazione sensibile: una tecnica di analisi che deriva dalla pratica biodinamica di Rudolf Steiner e che permette di condurre valutazioni di tipo morfogenetico su suoli, foglie, vini e altro materiale di tipo organico-vegetale. Questa metodica alternativa alle analisi convenzionali consente altresì di ottenere ulteriori informazioni su tutti i prodotti aziendali riguardanti l’energia vitale e la qualità degli stessi. La metodica della cristallizzazione sensibile è apparentemente semplice: una soluzione predeterminata di cloruro di rame (CuCl2) e acqua sterilizzata, mescolata ad un estratto della sostanza da analizzare. Si pone una porzione standard della miscela su una piastra di vetro e viene fatta riposare in una camera di cristallizzazione priva di vibrazioni e in ambiente controllato. Dopo diverse ore si ottiene un’immagine “cristallizzata” specifica del campione. Con l’esperienza di molte cristallizzazioni, i ricercatori del laboratorio riconoscono le caratteristiche peculiari delle sostanze prese in esame. E le differenze dalla forma-tipo costituiscono un elemento di giudizio per la qualità di ciascun campione. Al Podere la cristallizzazione gioca un ruolo fondamentale soprattutto nell’assemblaggio dei vini e nella valutazione del potenziale d’invecchiamento.

“La cristallizzazione ci permette di assaggiare con gli occhi il vino, è come se potessimo entrarci dentro – spiega la dott.ssa Sara Parricchi, responsabile di laboratorio a Podere Forte. – All’inizio questa tecnica era utilizzata solo per il vino e per il suolo, ma dopo qualche tempo ci siamo resi conto che era necessario ampliare il raggio d’azione, così siamo passati alle foglie e alle piante. Ed è proprio grazie all’analisi delle foglie, ad esempio, che siamo riusciti a prevenire mancanze di ferro e altri elementi utili alla salute della pianta. La cristallizzazione infatti non solo scatta un’istantanea dello stato attuale, ma fornisce informazioni utili a prevenire situazioni di criticità”.

Il laboratorio infine non smette mai di innovarsi e da alcuni mesi ha introdotto la cromatografia dei suoli: una tecnica utilizzata per valutare la fertilità e la vitalità del terreno.

Podere Forte è una azienda agricola di Castiglion d’Orcia. Antica e moderna. Tradizionale e futuribile. Governata secondo criteri scientifici e biodinamici. Retta da un ecosistema perfetto e autosufficiente in grado non solo di conservare l’esistente, ma di migliorarlo. Un Podere in cui la diversità viene armonizzata e ricondotta ad un principio unico, dove la qualità a tutti i costi viene ricercata nel pieno e totale rispetto per l’ambiente. Al Podere si producono tre vini: Petrucci Orcia Doc, Guardiavigna Toscana Igt e Petruccino Orcia Doc.

Per maggiori informazioni www.podereforte.it

Chiara Danielli
Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento