Per far rivivere l'ippocastano di Anna Frank ed i suoi ideali

Torino – Mercoledì 9 gennaio, alle 17.00, presso la Sala Conferenze del Museo della Resistenza della Città di Torino, in corso Valdocco 4b, saranno presentati 30 minuti
estratti dallo spettacolo «L’albero di Anna», parole e musica attorno al diario di Anna Frank, per la regia di Renzo Sicco.

L’iniziativa si colloca nell’ambito della collaborazione tra il Museo e Assemblea Teatro.

Tutti noi conosciamo la vicenda umana di Anne, una ragazzina che come tanti altri ebrei fu costretta a nascondersi dai nazisti.

Venne però scoperta con la sua famiglia e trasportata nei campi di concentramento.

Morì per tifo ad Auschiwtz insieme a Margot, sua sorella.

L’unico a rimanere in vita fu il padre che, con alcuni amici che avevano aiutato la famiglia a nascondersi, riuscì a mettere insieme tutti gli appunti di Anne.

Nel 1947 fu così pubblicato il diario di Anna Frank.

L’enorme ippocastano vecchio di oltre 150 anni, cresciuto ad Amsterdam nel giardino della casa sul canale Keizersoracht su cui si affaccia l’alloggio segreto in cui si nascose la famiglia
Frank, amorevolmente descritto da Anne nel diario, è stato abbattuto perché irrimediabilmente malato.

Questa azione scenica invita a far si che l’albero continui ad esistere , trovando ad ogni rappresentazione nuove foglie dal nome di ognuno degli spettatori, in modo da tenere in vita la
memoria e gli ideali di Anne Frank.

Chi non può partecipare a questa breve piéce teatrale può contribuite all’iniziativa, aggiungendo la propria foglia all’ippocastano sul sito: www. annefranktree.com

Leggi Anche
Scrivi un commento