Operazione Vendemmia Sicura: Stato delle indagini

La Procura della Repubblica di Taranto ha ritenuto oggi di fornire un quadro dello stato delle indagini al fine di evitare inutili e dannose forme di disinformazione.

Secondo quanto precisato dagli inquirenti, le analisi di laboratorio effettuate sui campioni prelevati hanno evidenziato il mero annacquamento del prodotto vinoso. Inoltre, l’ipotesi di
adulterazione si fonda anche sul rinvenimento di altre sostanze, utilizzate nella sofisticazione, che sono in corso di analisi e che sono state reperite nell’unico stabilimento interamente
sequestrato. Ulteriori indagini analitiche disposte sul prodotto vinoso potranno chiarire successivamente se tali sostanze sono state utilizzate, considerato che allo stato attuale i prodotti
sequestrati si presentano esclusivamente, dai risultati delle analisi ad oggi effettuate, come mosti e vini annacquati.

Più in particolare, la Procura di Taranto fa rilevare che gli accertamenti in corso mirano a verificare il dubbio utilizzo, per quantità o modalità di impiego, nella
attività enologica di acido cloridrico, solforico e fosforico, nonché di sostanze utilizzate anche nella produzione di concimi – quali fosfato ammonico, fosfato biammonico e
solfato di ammonio – comunemente impiegate in enologia quali attivatori della fermentazione del vino. Sotto il profilo sanitario il Ministero della Salute ha provveduto a informare la
Commissione UE, che si è dichiarata soddisfatta, del contenuto delle precisazioni fornite dagli organi inquirenti italiani.

Leggi Anche
Scrivi un commento