Olio, Confagricoltura: l’etichettatura è fondamentale per la trasparenza e la competitività

 

La modifica al reg. 1019/02, che introduce l’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli oli di oliva – che in data odierna è stata approvata dal
“Comitato di gestione olio di oliva” della Commissione europea, dopo il vaglio positivo del Wto – pone finalmente fine ad un’altalena di norme nazionali che
rischiavano di non cogliere l’obiettivo e, paradossalmente, di addossare sugli agricoltori nuovi oneri.

Lo sottolinea Confagricoltura che più volte ha sostenuto la necessità di un negoziato con la Commissione per la modifica del regolamento che indicava l’origine solo
in via facoltativa, ritenendo fortemente difficile che una norma nazionale potesse ribaltare un regolamento comunitario.

“E’ questo – dichiara Confagricoltura – un ulteriore elemento nell’ottica della chiarezza e della competitività, che può consentire al nostro sistema
Paese di recuperare terreno sui mercati nazionali ed esteri, in un momento di forte crisi del settore. Occorrerà adesso avviare una adeguata campagna di informazione per
consentire al consumatore una scelta consapevole, in un mercato dell’olio d’oliva finalmente più trasparente”.

Leggi Anche
Scrivi un commento