Mercati: Confagricoltura, in vista del Natale segnali di ripresa per le quotazioni all’origine dell'”Agnello di Sardegna IGP”

Mercati: Confagricoltura, in vista del Natale segnali di ripresa per le quotazioni all’origine dell

Sebbene la crisi continui a colpire duramente tutto il comparto zootecnico nazionale, qualche segnale positivo arriva in queste settimane dalle vendite degli agnelli sardi a marchio IGP.

Le quotazioni all’origine si sono attestate sopra ai quattro euro al chilo, un prezzo – fa presente Confagricoltura – superiore a quello registrato nelle settimane natalizie del 2008 e che, se
confermato, dimostrerà il forte potere di aggregazione e di penetrazione commerciale del Consorzio di tutela dell’agnello di Sardegna. Sono, infatti, enormi le potenzialità
offerte dalle greggi sarde, che potrebbero assicurare al mercato oltre 1 milione e 500 mila agnelli IGP, grazie anche alle misure previste dall’applicazione dell’articolo 68 del Reg. Ce 73/2009
sulla qualità delle produzioni ovicaprine.

Allo stesso tempo rimane assai problematico il mercato del latte ovino. E per la nuova campagna sono ancora timidi i segnali di dialogo tra gli attori della filiera.

Leggi Anche
Scrivi un commento