Maltempo: per le campagne è sempre emergenza, ancora danni e incombe il “pericolo gelate”

Maltempo: per le campagne è sempre emergenza, ancora danni e incombe il “pericolo gelate”

La Cia: ci sono timori per le produzioni in campo aperto. Le intemperie delle scorse settimane sono state devastanti con conseguenze economiche pesanti per le coltivazioni e le strutture
aziendali. Vigilare contro possibili speculazioni.

Dopo il maltempo delle scorse settimane, che ha provocato pesanti danni alle coltivazioni e alle strutture aziendali (oltre 300 milioni di euro), per le nostre campagne è sempre emergenza
ed è scattato il “pericolo gelate”. La repentina discesa della colonnina di mercurio, specialmente nel Nord Italia, mette, infatti, a rischio le coltivazioni degli ortaggi a campo aperto;
mentre pioggia, neve e smottamenti continuano ad avere conseguenze per l’agricoltura.

Non sono, comunque, giustificate impennate dei prezzi per tutti i prodotti ortofrutticoli. Lo sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori che mostra evidente preoccupazione per il
difficile momento del settore che già fa i conti con una crisi che non ha precedenti negli ultimi trent’anni, con costi produttivi e contributivi per le imprese sempre più
opprimenti, con prezzi sui campi in continua caduta e con redditi dell’agricoltura in caduta libera (meno 25,3 per cento nel 2009).

Con l’abbassamento delle temperature, la Cia rileva che sono a forte rischio soprattutto gli ortaggi (spinaci, finocchi, radicchio, cavolfiori, alcuni tipi di insalate e di cicoria, broccoli,
carciofi, asparagi) e i fiori coltivati all’aperto o in serre non riscaldate. Si teme, in particolare, che le gelate possono avere effetti negativi anche su alcune piante da frutta, specie nelle
regioni meridionali, che cominciano a germogliare. Il freddo rigido – evidenzia ancora la Cia – sta facendo lievitare anche i consumi di gasolio agricolo, soprattutto per il riscaldamento delle
serre e questo ha aumentato i già alti costi di produzione che sono costretti a sopportare gli agricoltori. Per quanto concerne i prezzi, la Cia rileva che, nonostante le avverse
condizioni atmosferiche, al momento non si segnalano rialzi alla produzione.

Quindi, qualsiasi tipo di rincaro è ingiustificato e sarebbe alimentato soltanto da pure spinte speculative. Un aspetto che vale specialmente per la frutta, in considerazione del fatto che
mele, pere e agrumi sono stati già da tempo raccolti e conservati in appositi magazzini. Per la Cia, dunque, è quanto mai indispensabile attivare controlli che impediscano
artificiose impennate dei prezzi, che andrebbero unicamente a danno dei consumatori e degli stessi agricoltori, visto che i listini praticati sui campi sono in discesa da più di dodici
mesi.

Leggi Anche
Scrivi un commento