Macfrut “lancia” un Progetto sulla qualità della pericoltura

Macfrut “lancia” un Progetto sulla qualità della pericoltura

Anche la ricerca al servizio dell’innovazione per una pericoltura di qualità: è questo l’obiettivo del progetto AGER – “Innovazioni di
processo e di prodotto per una pericoltura di qualità” che verrà presentato venerdì 7 ottobre alle 14.15 a Macfrut di Cesena (Sala
Verde ore 14:15).

Nei tre anni di lavoro, che termineranno nel novembre 2013, il progetto produrrà una serie di risultati altamente innvovativi per aumentare la sostenibilità della filiera pero
attraverso molteplici attività: l’individuazione di materiale resistente alle principali malattie, come maculatura bruna e psilla; l’ottimizzazione delle pratiche colturali, in primis
l’irrigazione, con studi specifici finalizzati a determinare l’ottimale apporto idrico a seconda delle combinazioni d’innesto e della densità di impianto; si lavorerà anche per il
miglioramento della qualità attraverso un accurato studio della maturazione dei frutti in funzione delle tecniche colturali; infine completerà il processo di filiera lo studio di
nuove tecnologie di conservazione in post-raccolta.

L’incontro sarà coordinato da Stefano Musacchi, responsabile del progetto, del Dipartimento Colture Arboree dell’Università di Bologna, uno degli otto Istituti di Ricerca
nazionali coinvolti. Saluti di apertura riservati ad Ugo Dozzio Cagnoni, Presidente del comitato di gestione di AGER (Agroalimentare e Ricerca), l’associazione che raggruppa le tredici
Fondazioni bancarie che hanno finanziato il progetto ed a cui seguirà l’intervento di un rappresentante della Fondazione Cassa di Risparmio di Ferrara.

Si entrerà poi nel vivo degli interventi scientifici finalizzati alla presentazione delle tre distinte linee di ricerca: “Sostenibilità delle produzioni”, “Ottimizzazione della
tecnica colturale”, “Studio della maturazione e della conservazione del frutto”. Queste saranno illustrate rispettivamente da Agostino Brunelli e Luca Corelli Grappadelli dell’Università
di Bologna e da Claudio Bonghi dell’Università di Padova, in rappresentanza anche degli altri Istituti coinvolti quali l’Università di Firenze, l’Università di Ferrara, il
CReSO (Consorzio di ricerca, sperimentazione e divulgazione per l’ortofrutticoltura piemontese), la Fondazione per l’Agricoltura F.lli Navarra di Ferrara ed il Canale Emiliano Romagnolo (CER).
I lavori si concluderanno alle ore 16.00.

Un progetto, sottolineano gli organizzatori del convegno, che si pone l’obiettivo di aumentare la qualità intervenendo lungo tutta la filiera produttiva, con nuove modalità di
approccio multidisciplinari, che consentiranno di risolvere le criticità legate al miglioramento degli attuali standard produttivi e qualitativi e per migliorare la redditività
della coltura, soddisfando quindi le esigenze sia del comparto produttivo, sia dei consumatori.

Per maggiori informazioni: www.progettoager.it/progetto.html

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento