Lotta ai tumori: tornano in piazza gli agrumi della solidarietà ANT

Lotta ai tumori: tornano in piazza gli agrumi della solidarietà ANT

Le piazze italiane diventano la sede della lotta contro i tumori, ospitando dai mesi di gennaio e febbraio i volontari ANT ed i loro agrumi della solidarietà.

Nata nel 1978, l’ANT (Associazione Nazionale Tumori) offre sia progetti di prevenzione contro la malattia che assistenza domiciliare ai malati: 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, in maniera
gratuita. Il tutto grazie ad una scuderia di volontari che comprende sia “semplici cittadini che figure professionali, come medici, psicologi, infermieri, farmacisti e nutrizionisti.

Tale struttura ha bisogno continuo di fondi, ottenuti tramite le donazioni del 5×100 o con iniziative come gli agrumi della solidarietà, acquistabili tramite offerta.

Allora, citando Raffaele Pannuti, segretario generale ANT: “La Fondazione Ant si autofinanzia grazie soprattutto alle campagne di raccolta fondi. Una piccola offerta rappresenta in
realtà un grande gesto di solidarietà, un aiuto concreto per le famiglie dei nostri assistiti”.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI:

https://www.antitalia.org

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Commento ( 1 )
  1. Rosa Festa
    23 Novembre 2014 at 11:27 pm

    Mio padre è morto un anno fa’,fiagnosi:tumore al cervello tempo 3/6mesi.Tre i mesi che ha vissuto,un mese nell’ospedale S.Giovanni Rotonfo,dove ha avuto cure amorevoli,graxie alla possibilità che hanno dato a mia madre di stare nella stanza con lui.Una volta tornati a casa,il medico di famiglia non è stato presente ,ogni volta dovevamo chiamarlo per dettagli su problemi che si presentsvano.Ci presentò un infermiere che ci spillava soldi x flebo catetere.Tutto ol resto lo facevamo noi,avebamo bisogno di un aiuto l’asdistenza,niente .Mia madre ha quadi proscigato i suoi risparmi.Dopo la morte di mio padre,non ci riconoscevamo piu’,tensione,nervosismo.È stata un’ esperienzadura siamo stati abbandonati da chi doveva seguirci nell’assistenza.

Scrivi un commento