L'origine della vita in un display

Singoli nano-frammenti di acido nucleico si auto-assemblano spontaneamente in ordinate strutture, simili a quelle dei display, è in parte italiana la scoperta di cristalli liquidi
formati spontaneamente da molecole di Dna immerse in acqua: un nuovo possibile scenario dell’origine della vita sul nostro pianeta.

Lo studio è descritto su Science ed è stato condotto dall’Università del Colorado e dal Laboratorio di fluidi complessi e biofisica molecolare dell’Università di
Milano.

La scoperta: in acqua l’acido nucleico si auto-ordina – I due gruppi di ricerca hanno scoperto che corti segmenti di Dna si assemblano in numerosi distinti cristalli che si
auto-orientano parallelamente l’uno all’altro e si impilano in colonne ordinate, se immerse in una soluzione acquosa. Queste formazioni sono simili ai cristalli liquidi che si trovano nei
dispay, così chiamati perché mostrano caratteristiche sia dei solidi sia dei liquidi.

La vita: questione di chimica – La scoperta ha delle ripercussioni non indifferenti sulle ipotesi della comparsa della vita sulla Terra. Secondo la teoria più largamente
condivisa, questa si sarebbe formata a partire dall’organizzazione casuale di molecole di acidi nucleici, Dna e Rna, che portano le informazioni genetiche e che si trovano in tutti gli esseri
viventi conosciuti. Anche negli organismi più semplici, però, queste molecole sono molto lunghe e complesse (milioni di singoli elementi chiamati «nucleotidi» o
«basi», uniti da legami chimici in filamenti, a loro volta assemblati a due a due per formare, nel Dna, una doppia elica). La formazione spontanea di molecole tanto complicate a
partire da singole basi selettivamente legate tra loro è uno dei punti da chiarire.
«Questa scoperta – riporta Tommaso Bellini, guida italiana dei ricercatori – aumenta la nostra conoscenza sulle potenzialità auto-organizzative delle molecole e fornisce nuovi
importanti indizi su ciò che potrebbe essere accaduto sulla Terra primordiale».

Leggi Anche
Scrivi un commento