L’Italia si conferma al secondo posto tra i fornitori di vino della Svezia, dove si consumano 31 litri a testa, tutti provenienti dall’estero.

L’Italia si conferma al secondo posto tra i fornitori di vino della Svezia, dove si consumano 31 litri a testa, tutti provenienti dall’estero.

Con un reddito pro capite pari a circa il 132% della media Ue, la Svezia è un mercato di primaria importanza nello scacchiere internazionale del vino. A maggior ragione se si considera
che è un Paese di 9 milioni di abitanti, non produttore ma capace di consumare 31 litri di vino a testa (dati Ice), con ampi margini di crescita per gli anni a venire. Basti pensare che
solo nel 1995, anno di entrata della Svezia nell’Unione Europea, il consumo pro capite era di appena 7 litri.

Dati e prospettive offerte dal mercato scandinavo verranno analizzati durante il Focus  di oggi 4 aprile “Svezia – il monopolio e le possibilità per la realtà Italiane”,
organizzato da Veronafiere in collaborazione con Buonitalia. Con due speciali approfondimenti che riguardano le particolari dinamiche del mercato svedese, non sempre di facile lettura per
le  aziende italiane che si accingono ad affrontarlo, e il regime di monopolio che caratterizza il sistema distributivo, con le implicazioni che comporta nei confronti dei produttori di
casa nostra.

 

Un mercato che oggi vale circa  40 milioni di euro, pari in volume a 130 mila tonnellate di vino, ma che mostra segnali positivi per il futuro che viene. Secondo i dati dell’Istituto
nazionale per Commercio Estero-Ice, elaborati dal Centro Studi Vinitaly di Veronafiere, i trend relativi al consumo di vino in Svezia sono positivi sia per volumi trattati nel 2008 ( 6,88%
sull’anno precedente), sia in termini di valore ( 22,98%). A crescere sono soprattutto vini rossi ( 11,31%) e bollicine ( 18,02%), mentre una leggera contrazione viene fatta registrare dai
bianchi fermi (-3,70%).

Ad oggi, il 7% del vino consumato in Svezia passa attraverso i canali Ho.Re.Ca, mentre il 74% finisce nella catena di distribuzione (monopolio) Systembolaget. Di particolare interesse i dati
relativi alla quota restante, per scoprire come il 14% del consumo totale provenga da vini acquistati a seguito di viaggi all’estero, mentre i vini importati di contrabbando e quelli prodotti
illegalmente rappresentano ben il 5% del consumo.

 

In questo contesto generale, il nostro Paese si piazza saldamente al secondo posto tra i fornitori, dopo la Francia e prima di Sud Africa e Spagna, sia per quantità che per valore. Una
posizione confermata anche nella categoria dei vermouth e altri vini aromatizzati, dove il nostro Paese si posiziona alle spalle della Danimarca.

E anche per il 2009, le prospettive sono incoraggianti: negli ultimi anni le importazioni italiane, pari oggi a circa 20 mila tonnellate, sono infatti cresciute a un ritmo di circa il 14%
annuo.

 

Comunicato stampa del Servizio Stampa Veronafiere

Leggi Anche
Scrivi un commento