L’appello dell’ADUC a Cappellacci e Berlusconi: abolite le province in Sardegna

 

Roma – Abolire le province sarde, almeno le ultime quattro che incredibilmente sono state istituite tre anni fa.

Oggi la Sardegna ha otto province: Cagliari, Carbonia-Iglesias, Nuoro, Olbia-Tempio, Ogliastra, Oristano, Medio Campidano, Sassari, con una popolazione complessiva di 1.668.128 abitanti
su 24mila kmq, che si ripartiscono per abitanti tra Cagliari (543.310 abitanti) e Ogliastra (58.389 abitanti!).

A cosa servono otto province non è dato di sapere, o meglio, e’ chiaro a tutti. Se proprio si vuole, si potrebbero istituire solo tre province da mezzo milione di abitanti
ciascuna (come era un tempo). Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, prima del suo arrivo a Palazzo Chigi aveva proposto l’abolizione, o la razionalizzazione, delle province.
Ebbene la Sardegna potrebbe essere il banco di prova della volonta’ di razionalizzare la nostra amministrazione, offrire servizi con efficienza e minori costi. Un analogo appello
lo rivolgiamo al neo pres idente della regione Sardegna, Ugo Cappellacci. Riusciranno i due presidenti a dare un segno tangibile della volonta’ di cambiare il Paese? O dovremmo
rassegnarci a vivere in caciccati?

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

 

Leggi Anche
Scrivi un commento