L'accordo per il «Pane di Cappelli»

Chieti – Il progetto di costituire una filiera dedicata esclusivamente alla produzione del «pane di Cappelli» è diventato realtà domenica, 17
febbraio, a Ortona. Presso il Molino Alimonti, infatti, si è svolta la cerimonia della sottoscrizione dell’impegno da parte degli aderenti all’Associazione panificatori della Provincia
di Chieti, guidata da Vinceslao Ruccolo, hanno sottoscritto l’impegno trentuno fornai.

Prima della firma dell’impegno, i panificatori hanno assistito a prove di panificazione con la farina ricavata dal grano di Cappelli e hanno discusso i vincoli e i dettagli del disciplinare cui
dovranno attenersi tutti gli aderenti al patto di filiera.

Il progetto, messo in moto dall’ARSSA insieme con la Camera di Commercio di Chieti e l’Associazione provinciale panificatori, coinvolge un nutrito gruppo di piccoli coltivatori della zona
interna della provincia di Chieti, la Molino Alimonti, che lavora il grano di Cappelli, e infine i panificatori.

Per rendere onore e tutelare uno dei simboli identitari della cultura alimentare teatina, è in itinere il procedimento per ottenere il marchio di tutela europeo l’IGP (Indicazione
Geografica Protetta) presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Il pane di Cappelli si ottiene utilizzando il lievito madre (naturale, senza lievito di birra) che necessita molto più tempo per la lievitazione, ma permette di ottenere un pane
«con il sapore di quello di una volta» e ottimo dal punto di vista nutrizionale, perché ricco di vitamine, fibre, carboidrati e proteine. Il «Cappelli» è
un grano duro che conferisce al pane una colorazione giallo paglierina piuttosto intensa, con una crosta giallo oro. I profumi sono molto aromatici, aciduli. Le tecniche di panificazione sono
quelle tradizionali, tipiche dell’Abruzzo e della provincia di Chieti in particolare. Il Grano «senatore Cappelli» fu ottenuto nel 1915, attraverso un lungo lavoro di selezione
genetica, da Nazareno Strampelli, il «padre» della cerealicoltura italiana. Da questi registrato col nome del senatore Cappelli, per ringraziarlo di aver tutelato e contribuito al
finanziamento del gruppo di lavoro.

Leggi Anche
Scrivi un commento