“Io non”: due parole giuste fanno dimagrire

“Io non”: due parole giuste fanno dimagrire

Le parole hanno un peso, letteralmente. Infatti, possono fare la differenza (in bene o nel male) quando si affronta una dieta dimagrante, decidendo della perdita o meno di peso.

Il meccanismo viene esplorato da una ricerca dell’Università di Houston ed un’Università di Boston, diretta dai dottori Vanessa Patrick e Henrik Hagtvedt e pubblicata sulle pagine
online del “Journal of Consumer Research”.

Gli scienziati hanno lavorato con 90 donne, divise in tre gruppi (ognuno di 30 persone) a seconda della parola per rifiutare il cibo della tentazione. Il primo gruppo doveva dire “Io non…”,
il secondo “Non posso…”, il terzo “No grazie”.

Risultato, il primo gruppo aveva ottenuto la maggiore perdita di peso.

Secondo Patrick e Hagvedt, la differenza sta nel messaggio recepito dal cervello, che può essere volonta cosciente o rinuncia forzata. In dettaglio, spiegano i due, “Dire “non posso”
alla tentazione segnala di per sé la privazione, la perdita e il rinunciare a qualcosa di desiderabile”. Di conseguenza, la tentazione diventa più forte ed, alla lunga, distrugge
la volontà.

La mossa migliore è perciò scegliere di dire dire “Io non…”, questo stimola il cervello a manifestare determinazione e giustificazione, aumentando il controllo e la
consapevolezza di sé. Risultato, lo stesso desiderio di perdere peso si è rafforzato.

Concludono perciò gli scienziati: “La cosa fantastica di questa ricerca è che suggerisce una strategia semplice, diretta e facile da implementare. E, cosa più importante…
funziona”.

FONTE: “Could Two Words Help You Resist Temptation?”, Journal of Consumer Research, 22/03/012

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento