Iniziativa della Regione Lazio in collaborazione con le Province

Fare la spesa con meno di 10 euro? E pure di qualità? E’ possibile, se il “Lazio spende bene”. Che poi è l’iniziativa realizzata dalla Regione
Lazio, in collaborazione con le Province di Roma, Rieti, Frosinone e Viterbo. L’iniziativa è stata presentata stamattina all’enoteca regionale dal presidente della
Regione Lazio Piero Marrazzo, l’assessore regionale all’Agricoltura Daniela Valentini, il commissario straordinario dell’Arsial Massimo Pallottini e i presidenti delle
Province di Roma e Viterbo, Nicola Zingaretti e Alessandro Mazzoli. Nella Tuscia, ad aderire sono stati 12 punti vendita.

Ecco cosa si può ottenere con soli 9,90 euro, questo il paniere, disponibile dal 15 ottobre, che verrà aggiornato ogni tre mesi: un kg di pane, mezzo di pasta, un litro di
latte, una passata di pomodoro, un kg di pollame o suino, due di ortofrutta di stagione e locale. Impossibile? Non nei 12 centri che hanno detto sì a “Lazio spende
bene”.

“Quella che grazie alla Regione Lazio è stata messa in piedi – ha detto Mazzoli – è un’iniziativa che affronta il problema più grande del
Paese: il carovita. E’ una risposta per aiutare tutti a vivere dignitosamente fino alla quarta settimana del mese, perché a disposizione dei cittadini viene offerta la
possibilità di fare la spesa a costi significativamente inferiori alla norma”.

La collaborazione messa in campo “è utile anche a misurare e costruire risposte utili, insieme alla valorizzazione del territorio. E questo – ha proseguito Mazzoli –
è anche un messaggio di sicurezza e fiducia non solo per i consumatori, ma anche per i produttori, perché significa mettere insieme tutto il territorio”.

Queste le catene che hanno aderito nella Tuscia Viterbese. Sidis gruppo Mercurio: via Tre Portoni a Nepi. Unicoop Tirreno: via Canino 30 a Tuscania, via del Ruscello 4.

Leggi Anche
Scrivi un commento