Influenza A: il virus ama il freddo

Influenza A: il virus ama il freddo

Il virus H1N1 aumenta di pericolosità nei paesi a clima freddo.

Chi si trova (o deciderà di recarsi) in Paesi che si avvicina all’inverno deve fare così una maggiore attenzione all’influenza A. Il consiglio arriva dal dottor Fabrizio
Pregliasco, ricercatore del Dipartimento di sanità pubblica, microbiologia e virologia dell’Università di Milano, intervenuto al convegno della SIMVIN (Società italiana di
medicina dei viaggi e delle migrazioni) in corso a Milano.

Spiega il dottor Pregliasco: “Il consiglio, in ogni caso è di eseguire la vaccinazione e di seguire alcune norme comportamentali semplici, valide contro ogni tipo di virus, come lavarsi
spesso le mani. Ma è importante soprattutto non farsi prendere dal panico. Si tratta di una influenza più leggera di quella stagionale, ma che si diffonde molto più
velocemente. Per rinforzare il sistema immunitario contro le infezioni respiratorie, inoltre, consiglio di assumere probiotici e simbiotici almeno un mese prima della partenza”.

Il problema, come emerso durante il convegno della SIMVIN, è che gli italiani sono “turisti per caso”, troppo poco prudenti e per nulla propensi a prevenirsi contro i pericoli del
viaggio. Le vaccinazioni (non solo quella contro la pandemia) sono spesso dimenticati: solo il 50% quantomeno chiede informazioni per difendersi da malattie capaci d’interrompere
tranquillamente la vacanza (se non la vita).

In aiuto di tutti i viaggiatori, sia quelli distratti che quelli previdenti, arriva però il passaporto sanitario. Tale documento è una sorta di registro medico, in cui segnalare
le eventuali profilassi eseguite, le allergie o malattie croniche e le terapie mediche in corso in modo che il medico possa intervenire tempestivamente in caso di soccorso in un Paese
straniero. Il passaporto è disponibile in diverse lingue (inglese, spagnolo, francese, italiano, arabo, cinese, russo) e verrà distribuito nei centri di medicina dei viaggi.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento