Infermieri, la Regione Lombardia risponde a Ministero Università

Milano, 31 Ottobre 2007 – «Regione Lombardia conferma che la richiesta avanzata era di aumentare a 2700 le frequenze per i corsi infermieristici mentre ne sono state previste circa
1700.

Forse apprendiamo che la colpa della carenza di posti in università non è del ministro Mussi ma del ministero retto da Mussi. Se non è zuppa è pan bagnato, diciamo
in Lombardia». E’ quanto si legge in una Nota della Regione in replica alle affermazioni del Ministero dell’Università.
«Infatti – prosegue la Nota – il Decreto del 5 luglio 2007 emanato dal ministero di Mussi (Tabella allegata – riga 17) prevede 515 posti per l’Università Cattolica del Sacro Cuore
di Milano. Ma tutti sanno che i corsi si svolgono al Policlinico Gemelli di Roma, dove ha sede la Facoltà di medicina della Cattolica e quindi i 515 posti sono di fatto per il Lazio e
non per la Lombardia».

Leggi Anche
Scrivi un commento