Il tumore al pancreas corrompe il sistema immunitario

Il tumore al pancreas corrompe il sistema immunitario

Il tumore del pancreas attacca il corpo umano in maniera sofisticata. Il cancro non si limita a bypassare il sistema immunitario, ma lo utilizza per favorire la penetrazione nell’organismo
ospite.

Il processo viene descritto da una ricerca dell’Ospedale San Raffaele (Sezione Unità di Immunologia dei Tumori), diretta dai dottori Pia Protti e Lucia De Monte e pubblicata sul “Journal
of Experimental Medicine”.

Gli esperti del San Raffaele hanno mostrato come le cellule tumorali e le stromali (presenti nel microambiente tumorale) siano in grado di ingannare le cellule del sistema immunitario. Si ha
quindi il fenomeno dei linfociti deviati: linfociti T corrotti dal tumore e produttori di chitochine che non ostacolano ma facilitano l’avanzata della malattia.

Ci sono però anche buone notizie: l’indagine scientifica ha evidenziato le molecole che regolano il meccanismo e gli anticorpi (alcuni dei quali già disponibili) in grado di
fermarlo. Inoltre, l’esame di alcuni malati sottoposti ad intervento chirurgico ha evidenziato una relazione tra il livello di “linfociti deviati” nell’organismo e le possibilità di
sopravvivenza, e l’informazione aiuterà i medici nella progettazione delle terapie.

Perciò, il bilancio finale degli esperti è positivo: “Questa ricerca rappresenta un passo in avanti sia nella conoscenza dei meccanismi biologici che rendono il carcinoma del
pancreas un tumore particolarmente aggressivo, sia nell’identificazione di nuovi target terapeutici che consentiranno di mettere a punto, nei prossimi anni, nuove strategie terapeutiche”.

Il carcinoma del pancreas ha un decorso particolarmente aggressivo e costituisce la quarta causa di morte per tumore. La chirurgia è ad oggi il trattamento più efficace, ma solo
il 15-20% dei pazienti è candidabile all’intervento: in questo caso la sopravvivenza è variabile e rimangono pochi i fattori predittivi della prognosi.

FONTE: Lucia De Monte, Michele Reni, Elena Tassi, Daniela Clavenna, Ilenia Papa, Helios Recalde, Marco Braga, Valerio Di Carlo, Claudio Doglioni, and Maria Pia Protti, “Intratumor T
helper type 2 cell infiltrate correlates with cancer-associated fibroblast thymic stromal lymphopoietin production and reduced survival in pancreatic cancer”, J Exp Med jem.20101876. Published
February 21, 2011, doi:10.1084/jem.20101876

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento