Il Rapporto sui mutui ipotecari destinati all'acquisto di abitazioni 2004-2006

L’Agenzia del Territorio ha reso noti i risultati del “Rapporto sui mutui ipotecari destinati all’acquisto di abitazioni 2004-2006” che analizza dettagliatamente i dati relativi ai mutui
ipotecari provenienti dagli archivi della pubblicità immobiliare, in cui sono registrati gli atti di compravendita e quelli stipulati con gli istituti erogatori di mutui ipotecari.

L’Agenzia ha incrociato tali dati ed ha dato vita ad un rapporto completo che studia le scelte, i numeri ed i comportamenti delle famiglie che hanno scelto di accendere un mutuo ipotecario per
l’acquisto dell’abitazione.
Il Rapporto, dunque, ha evidenziato una crescita media del 16% nel 2005 e del 11% nel 2006 dell’ammontare complessivo del capitale erogato, che è passato dai circa 39,9 miliardi di
euro del 2004, ai 46,4 miliardi del 2005 ed infine ai 51,6 miliardi del 2006.

Analogamente è aumentato del 10% circa il numero delle abitazioni acquistate dietro la stipula del mutuo: se nel 2004 le famiglie che vi hanno fatto ricorso sono state 368.568, infatti,
nel 2005 sono diventate a 392.747 e nel 2006 hanno raggiunto quota 408.969.
Soprattutto al Nord, poi, è cresciuta l’incidenza delle compravendite assistite da mutuo rispetto al totale delle compravendite di abitazioni: si è passati, infatti, dal 45,3% del
2004 al 47,7% del 2006, con il picco del Nord (52,4% nel 2006) ed una minore incidenza al Sud (38,2% nel 2006).
In crescita anche il capitale erogato dagli istituti di credito (che è passato mediamente dai 108.200 euro circa per abitazione nel 2004, ai 118.000 del 2005 ed ai 127.500 nel 2006, con
un incremento complessivo pari al 18% circa), i tassi di interessi applicati ( 0,7% dal 2004) e la durata del mutuo (da 19,4 anni medi del 2004 a 22,3 nel 2006).

Leggi Anche
Scrivi un commento