Il PecorinoToscano DOP torna sui banchi con un corso di formazione per produttori e appassionati

Il PecorinoToscano DOP torna sui banchi con un corso di formazione per produttori e appassionati

Non si finisce mai di imparare dal Pecorino Toscano DOP. È per questo che il Consorzio di Tutela organizza, periodicamente, corsi di aggiornamento per produttori e appassionati di questa eccellenza del Made in Italy. Il prossimo è in programma da martedì 22 a giovedì 24 settembre nella sede del Consorzio in via Giordania 227, a Grosseto gestito dall’agenzia formativa D.R.E.Am.-Italia. Per avere maggiori informazioni si può inviare una email all’indirizzo di posta elettronica info@pecorinotoscanodop.it.

Si comincia martedì 22 con la presentazione del corso da parte di Andrea Righini, direttore del Consorzio Tutela Pecorino Toscano DOP. Alle ore 10 interverrà Marcello Mele, docente dell’Università di Pisa, che parlerà della filiera e della qualità del latte ovino in Toscana. Sempre la qualità del latte sarà al centro della relazione di Davide Rossi, tecnico Caserio, prevista nel pomeriggio alle ore 14, prima dell’intervento di Angelo Zambrini, esperto ricerca e sviluppo caseario e docente dell’Università Cattolica di Piacenza, che parlerà di confezionamento del formaggio per la vendita.

La seconda giornata di lavori, mercoledì 23 settembre, vedrà protagonista Giorgio Franchi, tecnico caseario, che parlerà della scelta del caglio, di aspetti tecnici legati alla lavorazione del latte e di comportamenti generali per la produzione di Pecorino Toscano DOP. Giovedì 24 settembre Giovanni Sebastiano Piredda, tecnico caseario, parlerà della gestione della temperatura e dell’umidità per una corretta stagionatura e della gestione delle muffe in fase di maturazione con metodi naturali.

“Fare il formaggio è un’arte antichissima con fasi ben codificate, ma il latte – sottolinea Righini – è una materia prima che cambia ogni giorno e con essa cambia anche la produzione del nostro Pecorino Toscano DOP. Per questo chi fa questo mestiere deve sempre essere aggiornato, anche per stare al passo con le nuove tecnologie e i risultati delle ricerche. Con questo spirito il Consorzio promuove iniziative di formazione che consideriamo fondamentali per far crescere una cultura del Pecorino Toscano DOP e una sempre maggior consapevolezza delle sue caratteristiche e potenzialità”.

Leggi Anche
Scrivi un commento