Il Monte-Carlo Wine Festival del 2009 ha una missione nuova: l’autenticità

Il Monte-Carlo Wine Festival del 2009 ha una missione nuova: l’autenticità

Dal contrasto fra il palcoscenico mondano del Principato di Monaco e il teatro naturale delle vigne emergono con nettezza ancora maggiore le figure di uomini e vini dall’identità
autentica, che affondano le radici nella storia locale e da essa traggono la capacità di raccontare storie diverse, letteralmente stra-ordinarie. Autentiche.

I viaggi di interscambio fra i produttori, il travaso delle diverse esperienze dei vigneron, il dialogo costante con agronomi ed enologi, accademici, professionisti della comunicazione, non
ultimo il confronto diretto con gli appassionati del vino rappresentano un circuito reale di storie e di persone che si appoggia per dodici mesi al sito internet, e si ritrova di persona una
volta all’anno nelle sale dell’Auditorium Rainier III di Monaco.

In questo modo il Festival abbandona l’esperienza della sfilata di tanti asettici banchi di assaggio isolati fra di loro per diventare una festa di identità. E’ con questa nuova linfa che
il Monte-Carlo Wine Festival stimola la rinascita di territori e tradizioni vitivinicole di grande valore, dedicando loro dei progetti di recupero sistematico affidati alla passione ed alla
competenza della Direzione Tecnica.

Leggi Anche
Scrivi un commento