Il dolore del parto è la base dell’ affetto tra madre e figlio

Il dolore del parto è la base dell’ affetto tra madre e figlio

Il dolore del parto ha lo scopo fondamentale di creare e rinsaldare il legame tra madre e figlio.

In particolare, tale sofferenza serve a ricordare alla donna che essere madre comporta responsabilità ed anche difficoltà.

A sostenere tale tesi, Denis Welsh, esperto di ostetricia all’ Università di Nottingham (Gran Bretagna) che ha esposto le sue idee sulla rivista Evidence Based Midwifery.

Per Welsh, “Le donne dovrebbero essere preparate a sopportare il dolore della nascita, e non semplicemente ad evitarlo. Si tratta di un rito di passaggio, fondamentale per stabilire un forte
legame tra madre e figlio. Ci sono delle forti prove del fatto che il parto normale e il travaglio attivano delle aree nel cervello della madre associate alla formazione dei legami affettivi.
Qualcosa che non succede nel parto cesareo o in quello indolore”.

Secondo Welsh, inoltre, tale consapevolezza dovrebbe portare i medici ha privilegiare pratiche come l’ ipnosi, i massaggi, l’idroterapia a scapito dell’ epidurale, tra l’ altro già
portatrice di rischi come una fase di travaglio più lunga e minor latte al seno.

L’ ostetrico ha concluso il suo discorso con una stoccata ai colleghi, in quanto “Oggi la maggior parte degli ospedali e delle cliniche la permette su richiesta. Il 20 per cento delle donne
che ottiene l’epidurale non ne ha veramente bisogno”.

Le convinzioni di Welsh hanno scatenato l’ opposizione ferma e decisa della maggior parte della comunità medica inglese.

Justin Clark, ginecologo del Birmingham Women’s Hospital ha liquidato tali tesi definendoli “Un’esagerazione dei rischi dell’epidurale. Questa tecnica anestetica non e’ abusata, e
nella maggior parte”
.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento