Iª edizione del “Carpenè-Malvolti Script Contest va all’Eredità di Alphie Velasco

Iª edizione del “Carpenè-Malvolti Script Contest va all’Eredità di Alphie Velasco

Lo script contest “Eredità” di Alphie Velasco  è il vincitore della Iª edizione del “Carpenè-Malvolti Script Contest” promosso durante il “Ca’ Foscari Short Film Festival 2021”.Un premio che la storica Cantina – sempre attenta ai nuovi linguaggi comunicativi ed alle dinamiche contemporanee – ha indetto, per la prima volta, in occasione dell’XI edizione del Festival rivolgendosi così ai registi, già partecipanti al Concorso Internazionale ed al Music Video Competition, a cui è stato richiesto di realizzare uno script dedicato alle “imprese enoiche” della Famiglia Carpenè, alla storia del Prosecco e delle Colline di Conegliano e Valdobbiadene, già patrimonio UNESCO.

Per noi è motivo di grande orgoglio la creazione di un contest rivolto a giovani registi e sceneggiatori esordienti e intitolato ad Antonio Carpenè, ha affermato il Direttore Artistico del “Ca’ Foscari Short Film Festival, Maria Roberta Novielli, poiché  sposa perfettamente la missione innovatrice della formazione di giovani creativi e imprenditori, tra i principali obiettivi del fondatore della storica azienda, oltre che del nostro Ateneo. La trasversalità tra arti e imprenditoria è oggi sempre più la norma, fortunatamente, ed è quindi un privilegio poterla sperimentare con l’azienda fondata da un pioniere di tale ibridazione”.

La consegna del premio – consistente in una significativa borsa di studio – è avvenuta lo scorso 9 Ottobre durante la cerimonia di chiusura del Festival all’Auditorium Santa Margherita a Venezia, per mano di Domenico Scimone della Carpenè-Malvolti, che ha ribadito l’importanza del legame storico tra l’Impresa e Ca’ Foscari. “Siamo onorati di essere anche in questa occasione al fianco di una istituzione universitaria così prestigiosa quale la Ca’ Foscari, con cui – peraltro coeve – condividiamo l’impegno etico ed un patrimonio valoriale storico di grande rilevanza. Con l’adesione a siffatta iniziativa, sia in veste di sponsor che come promotore di un concorso, la Carpenè-Malvolti – ha aggiunto Scimone – ancora una volta, in coerenza con la sua mission d’Impresa, assolve all’impegno storicamente assuntosi nel sostenere e promuovere eventi artistici e culturali di alto livello; investendo così nella formazione delle nuove Generazioni, soprattutto in un’ottica internazionale”. 

La partecipazione della Carpenè-Malvolti all’undicesima edizione del Ca’ Foscari Short Film Festival, rappresenta una novità nella storia della manifestazione; trattasi infatti della prima edizione della nuova sezione dedicata al “Carpenè-Malvolti Script Contest” ed anche della prima volta per la storica Casa Spumantistica nelle vesti di sponsor ufficiale, al fianco di partner storici come la Fondazione Venezia e Fondazione Levi, il Museo Nazionale del Cinema di Torino, la Compagnia d’informazione Guang Hua Cultures et Media ed altri prestigiosi Partners.

La motivazione con cui la giuria – composta da Alessandro Loprieno, Founder & CEO di WeShort, dallo scrittore Eduardo Fernando Varela e da Domenico Scimone della Carpenè-Malvolti – ha decretato il cortometraggio vincitore della prima edizione del  Premio è stata:“Una narrazione intima, romanzata con tanto rispetto e sensibilità, che enfatizza ed esalta i principi etici della Famiglia Carpenè ed i valori fondativi della storica Impresa Carpenè-Malvolti”.

Motivazione a cui ha così risposto l’autore del video vincitore dello Script Contest, Alphie Velasco: “il mio progetto racconta la storia di un Antonio Carpenè bambino e di suo padre Etile e di come proprio grazie ad alcuni oggetti del padre ed altri documenti sia riuscito a ricostruire l’attività di famiglia dopo la Prima Guerra Mondiale. E di come un’eredità possa ricreare un sentimento che si insinua profondamente nell’anima di chi ci crede, senza mai rompersi e sempre nutrito dal tempo”. 

Leggi Anche
Scrivi un commento