I “falsi alimentari” invadono le tavole degli italiani

I “falsi alimentari” invadono le tavole degli italiani

Roma – Non solo pomodori ma anche tartufi, formaggi, arance, limoni, aglio, funghi, miele e olio, sono i “falsi alimentari” che invadono il nostro
mercato e ingannano il consumatore. Se un prodotto viene dall’estero, non e’ detto che sia necessariamente cattivo, dipende dalla qualita’ e dalle tecniche di coltivazione. Rimane il problema
dei controlli, soprattutto per gli alimenti provenienti dai Paesi extra Ue, sulla presenza di sostanze non ammesse dalla normativa comunitaria (antibiotici, insetticidi, ecc.), perche’ il
commercio globalizzato espone ad alcuni rischi se le regole non sono altrettanto globalizzate.

Il problema e’ dovuto al fatto che questi prodotti vengono spacciati come “made in Italy”, cioe’ come prodotti nostrani, quando invece non lo sono, ingannando cosi’ i consumatori. Cosi’ i
consumatori continueranno a consumare passata di pomodoro italo-cinese, a grattugiare tartufo afro-cino-albanese messo accanto a quello italiano per farne assorbire l’odore, a tagliare
formaggio danese, a sbucciare arance e limoni maturati al sole del Sud America e del Sud Africa, a soffriggere con aglio cinese venduto a pochi euro nei mercatini rionali, a mangiare una pizza
ai funghi dell’Est Europa, a far colazione con il miele ungherese e a condire con olio mediterraneo. Il tutto pensando che stiamo mangiando prodotti della nostra terra.

Aduc.it
Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento