Granarolo sostiene la diffusione dell’app Immuni sull’etichetta di milioni di bottiglie di latte

Granarolo sostiene la diffusione dell’app Immuni sull’etichetta di milioni di bottiglie di latte

Granarolo S.p.A. ha deciso di sostenere la diffusione di Immuni, l’applicazione per la notifica di esposizione al rischio di contagio da Covid-19 realizzata dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione e gestita dal Ministero della Salute. Su circa 10 milioni di bottiglie di latte che ogni mese vengono commercializzate, a partire dal 6 novembre compare in etichetta un QR Code che consente di scaricare l’applicazione “Immuni”.

 
In questa nuova fase dell’emergenza sanitaria legata al COVID-19, Granarolo fa così appello al senso di responsabilità di ciascuno ai fini del contenimento del contagio. A partire da novembre sulle etichette di tutti i formati (500ml, 1L, 1,5L) delle referenze di latte fresco e alto pastorizzato a marchio Granarolo – Latte Fresco Alta Qualità, Latte Fresco Piacere Leggero, Latte Più Giorni Intero, Latte Più Giorni Parzialmente Scremato – compare il logo della app Immuni e il QR Code.
 
“Abbiamo deciso di dare una mano in un frangente di grande delicatezza per il Paese mettendoci a disposizione del Governo con l’elemento più prezioso che abbiamo, la nostra etichetta, che ogni giorno entra nelle case di milioni di italiani per accompagnare il rituale della colazione”, ha commentato Gianpiero Calzolari, Presidente di Granarolo. “Immuni è uno strumento importante per monitorare e limitare i contagi sempre più numerosi. I nostri consumatori potranno scaricare con un semplice cellulare la App, nella speranza di un prossimo ritorno alla normalità”.
 
Sviluppata nel pieno rispetto della normativa italiana e di quella europea sulla tutela della privacy, l’app Immuni si può scaricare sui cellulari in tutta Italia (https://www.immuni.italia.it/) e si propone come un aiuto tecnologico per limitare la diffusione del virus COVID-19, contribuendo a tutelare noi stessi e le persone vicine o che incontriamo quotidianamente. Il suo impiego è volontario. Attraverso l’app gli utenti di telefoni cellulari ricevono notifica di eventuali esposizioni al virus. L’app scambia codici alfanumerici degli utenti, non registra nominativi e altri elementi che possano ricondurre all’identità della persona positiva o di chi abbia ricevuto notifiche.

Recentemente Immuni ha ampliato il suo raggio d’azione ed è diventata interoperabile con le applicazioni di notifica di esposizione al rischio di contagio adottate dagli altri Paesi europei e che utilizzano analoga tecnologia. L’Italia, insieme a Germania e Irlanda, fa parte del primo gruppo di Stati dell’Unione ad aver avviato l’interoperabilità delle applicazioni, resa possibile grazie all’impegno della Commissione europea.

Leggi Anche
Scrivi un commento