Funghi: la criniera di leone nuovo re della tavola

Funghi: la criniera di leone nuovo re della tavola

Possibile cambio al vertice dei funghi per la cucina? Ne è convinto il professor Ken Mudge, docente di orticoltura alla Cornell University (Gran Bretagna), che ha esposto la sua idea
durante un workshop scientifico svoltosi alla Arnot Teaching and Research Forest.

Secondo Mudge, l’attuale sovrano, il fungo shiitake potrebbe essere detronizzato dalla Criniera di Leone, Hericium erinaceus. Il professore è stato incuriosito dalla sua presenza
nella medicina cinese, e da lì ne scoperto i suoi vantaggi.

Come lo shiitake, la Criniera viene coltivato grazie a pali di legno, lungo 1 metro, nei cui fori vengono inserite le spore poi sigillate con cera. A differenza dello shiitake, l’Hericium non
deve essere immerso ripetutamente nell’acqua; inoltre, tale fungo ha un ciclo vitale più veloce, che consente di ottenere esemplari maturi più in fretta.

Perciò, conclude il professore, la Criniera di leone è vantaggiosa sia per gli agricoltori che per i professionisti della tavola.

FONTE: “Farmers into fungi can reap forest rewards”, Cornell University, 10/04/012

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento