Firmato procollo d'intesa per la gestione della «Crisi Malpensa»

Torino – E’ stato firmato, oggi a Torino, per la parte piemontese, e ieri a Milano, per la parte lombarda, il protocollo d’intesa tra le Regioni Piemonte e Lombardia, le Province di
Novara, Verbano Cusio Ossola, Varese e Milano e le parti sociali, volto a definire le misure congiunte per affrontare la crisi dell’aeroporto di Malpensa.

L’accordo è stato siglato, per la Regione Piemonte, dall’assessore al Lavoro, Teresa Angela Migliasso e per la Regione Lombardia dall’assessore all’Istruzione,
Formazione e Lavoro, Gianni Rossoni.
In base all’intesa, gli enti e le parti sociali concordano di destinare le risorse finanziarie per gli ammortizzatori sociali in deroga ai lavoratori coinvolti nelle situazioni di crisi delle
aree territoriali colpite dai processi di riorganizzazione legati ai nuovi assetti del sistema aeroportuale, secondo uno specifico accordo quadro che verrà sottoscritto tra le parti
istituzionali e sociali.

Gli assessori al Lavoro delle due Regioni richiederanno pertanto al Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale la stipula di un accordo finalizzato a garantire la copertura finanziaria per
la concessione gli ammortizzatori sociali in deroga, che verranno erogati dall’INPS.
Migliasso e Rossoni si sono impegnati inoltre a chiedere al Ministero la possibilità di integrare ulteriormente le risorse.
Il protocollo stabilisce, infine, che i programmi di gestione delle crisi occupazionali a sostegno degli ammortizzatori in deroga possano prevedere azioni di riconversione e riqualificazione
professionale e di reimpiego dei lavoratori, finalizzate a programmi di recupero e sviluppo del territorio, e realizzate anche nell’ambito degli interventi di attuazione del Programma Operativo
del Fondo sociale Europeo della Regione Piemonte per il periodo 2007/2013 e degli interventi di ricollocazione previsti in base alla Legge regionale n.28/93. Per la realizzazione di queste
ulteriori azioni a sostegno dell’occupazione e del territorio verranno richiesti appositi stanziamenti.

«Questo protocollo – ha commentato l’assessore Migliasso – è frutto del lavoro congiunto di Regione Piemonte, Regione Lombardia, delle Province interessate e delle
parti sociali piemontesi e lombarde, svolto in tempi «record», con l’obiettivo condiviso di adoperarsi per salvaguardare l’occupazione e lo sviluppo dei territori toccati
dalla crisi dell’aeroporto di Malpensa. Con la Regione Lombardia abbiamo già avviato i contatti per incontrare al più presto il Ministro del Lavoro al fine di stipulare
l’accordo quadro, che definirà anche le risorse assegnate a ciascuna Regione».
«L’Intesa raggiunta in tempi così rapidi sulla crisi Malpensa – ha sottolineato l’assessore Rossoni – testimonia quanto il problema non sia stato sottovalutato, ma
avvertito da tutte le parti in gioco nella sua interezza. L’impegno preso è quello di arrivare alla miglior soluzione possibile nel minor tempo possibile. Proprio per questo crediamo
indispensabile che il nuovo Governo implementi le risorse troppo esigue stanziate dal precedente esecutivo. Confido nella massima disponibilità del Ministro Sacconi».

Leggi Anche
Scrivi un commento