Firmato il CCNL dei lavoratori del settore delle pulizie

Nella giornata di oggi, presso la sede di Via Flavia del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, è stato firmato – alla presenza del Ministro del Lavoro e della Previdenza
Sociale, Cesare Damiano, della Sottosegretaria, Rosa Rinaldi, delle parti datoriali e sindacali – il CCNL dei lavoratori del settore delle pulizie e servizi integrati – multiservizi, primo, tra
i grandi contratti nazionali ancora aperti, a trovare positiva soluzione.

Il nuovo contratto che riguarda 500.000 addetti, con larga prevalenza di lavoratrici, attendeva una conclusione da oltre 30 mesi e si è sbloccato grazie alla mediazione della
Sottosegretaria Rinaldi ed agli impegni assunti dal Ministro Damiano a nome del Governo.

I punti essenziali sono:

modifica della Legge 223/91 relativa al meccanismo del cambio di appalto, da inserire nei provvedimenti che saranno varati in accompagnamento alla Finanziaria 2008;

impegno a integrare i decreti attuativi della Legge 123/07 al fine di garantire il rispetto del costo del lavoro nei confronti dei committenti;

tavolo istituzionale coordinato dalla Cabina di Regia contro il lavoro nero e l’illegalità nel settore;

intervento dal parte del Ministro Damiano per sensibilizzare in modo adeguato i committenti pubblici ad adeguarsi all’aggiornamento dei prezzi con il variare delle tabelle ministeriali.

Tali impegni consentiranno di garantire al settore condizioni e regole di trasparenza e contrasto efficace alla concorrenza sleale ed al lavoro nero.

I lavoratori avranno un aumento contrattuale pari a 115.00 euro medi a regime al 2^ livello distribuito su 3 tranches, di cui 20.00 euro a titolo di EDR (elemento distinto della retribuzione),
che è finalizzato a compensare, per la prima volta in questo CCNL, il lungo periodo della carenza contrattuale.

Grande soddisfazione è stata manifestata dalle parti sociali che, congiuntamente, hanno voluto, con i loro ringraziamenti, riconoscere il ruolo determinante svolto dal Ministero del
Lavoro, dal Ministro, dalla Sottosegretaria e degli uffici competenti al fine di sbloccare una vertenza lunga e difficile, che ha permesso di realizzare condizioni di dignità ed
equità per i lavoratori e di efficienza per le imprese.

Leggi Anche
Scrivi un commento