Famiglia Castagnedi (Tenuta Sant’Antonio) chiude il 2021 a +23% e guarda alla sostenibilità

Famiglia Castagnedi (Tenuta Sant’Antonio) chiude il 2021 a +23% e guarda alla sostenibilità

Crescere in modo sostenibile. È questa la chiave per Famiglia Castagnedi, realtà vitivinicola d’eccellenza del veronese, che racchiude all’interno brand storici e iconici del patrimonio vinicolo italiano: Tenuta Sant’Antonio, Télos e SCAIA.

Nell’incerto contesto globale segnato dalla pandemia, Famiglia Castagnedi ha chiuso il 2021 facendo registrare un +23% sulle vendite del 2020, un trend positivo confermato dal + 20% sul 2019, quando la stabilità del settore era notevolmente maggiore. Una crescita che accompagna l’aumento di ettari, oggi 150, e di conseguenza di bottiglie prodotte: +10% a 1,8 milioni.

L’espansione ha riguardato tutti i brand di Famiglia Castagnedi. In particolare, il gruppo dei prestigiosi Amarone ha avuto una forte spinta rispetto al 2020, in crescita anche rispetto al 2019. A trainare la crescita il brand Télos, vero e proprio manifesto della sostenibilità. Ormai simbolo consolidato di innovazione e qualità, Télos ha dimostrato come un vino senza solfiti aggiunti, in conversione biologica e anche vegano possa raggiungere livelli qualitativi straordinari: +26% sul 2020, con le vendite guidate da Télos L’Amarone Della Valpolicella DOCG.

I riconoscimenti del 2021: la qualità come guida per la crescita sostenibile

Famiglia Castagnedi presenta questi risultati mantenendo ben salda la convinzione di voler crescere in maniera sostenibile, mantenendo massima qualità in ogni singola bottiglia. A testimoniare l’eccellenza della produzione, il 2021 ha riservato grandi soddisfazioni anche per i riconoscimenti qualitativi:

  • L’Amarone Lilium Est Riserva 2010, punta di diamante, è stato riconosciuto come migliore Amarone d’Italia e miglior vino del Veneto dal Corriere della Sera, 97 Punti James Suckling nella sua degustazione dedicata al Veneto;
  • I Single Vineyard La Bandina Valpolicella Superiore, Tre Bicchieri Gambero Rosso, e il Soave Vigna Monte Ceriani, hanno ottenuto punteggi estremamente elevati dai più prestigiosi critici internazionali;
  • L’avveniristico brand Télos si è definitivamente consacrato come il più autorevole rappresentante della viticoltura sostenibile, senza solfiti aggiunti e vegana;
  • L’iconico brand SCAIA ha conquistato i mercati internazionali, dimostrando come un vino accessibile a tutti, con una bevibilità moderna e vibrante, possa raggiungere livelli qualitativi tali da essere premiato dai critici più prestigiosi.

Verso pratiche sempre più sostenibili

Risultati resi possibili grazie ad una strategia che ha voluto fronteggiare la pandemia con investimenti in tutte le aree, dalla logistica al vigneto e cantina, all’insegna dell’efficientamento e della sostenibilità. Nuovi sistemi gestionali in comunicazione con i magazzini, l’attuazione di nuove pratiche sostenibili, frutto di ricerca e innovazione, macchinari da Industria 4.0: oltre 3 milioni di Euro investiti per il triennio 2021/2023, in larga parte volti a rendere le operazioni sempre più efficienti e meno impattanti.

“I risultati che annunciamo oggi rispecchiano il nostro lavoro, la nostra dedizione quotidiana, la nostra volontà di essere fedeli a ciò che meglio sappiamo fare: produrre vino. Come Famiglia Castagnedi abbiamo avviato un profondo percorso di evoluzione della nostra realtà che ci sta portando verso un approccio sempre più sostenibile” – afferma Armando Castagnedi, titolare insieme ai fratelli di Tenuta Sant’Antonio. “I prossimi anni saranno dedicati ad abbracciare pratiche compatibili con l’ambiente e la comunità, perché crediamo che solo in questo modo saremo in grado di rispettare e valorizzare al meglio il territorio. Siamo particolarmente orgogliosi di vedere come il nostro pensiero, i nostri sogni e la nostra esperienza si siano trasformati in riconoscimenti concreti: continueremo a mettere in bottiglia il cuore di Famiglia Castagnedi.”

Leggi Anche
Scrivi un commento