Edison aderisce alla Giornata Mondiale della Diversità promossa da Unesco

Milano – Edison aderisce alla Giornata Mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo promossa dall’Unesco per il 21 maggio.

L’adesione riflette l’impegno del Gruppo a favorire e consolidare lo sviluppo di un ambiente lavorativo allargato e di una cultura aperta alla differenza a supporto della lotta contro ogni tipo
di discriminazione e di disagio.

Il programma di Edison nella diversità, intesa come patrimonio comune dell’umanità nonché asset fondamentale delle proprie attività, comprende diversi ambiti. Il
primo impegno riguarda una specifica politica contro i comportamenti discriminatori basati sulle opinioni politiche e sindacali, la religione, la razza, la nazionalità, l’età, il
sesso, l’orientamento sessuale, lo stato di salute e generalmente qualsiasi caratteristica intima della persona umana. In maniera propositiva, Edison intende inoltre valorizzare le
diversità sotto diversi profili: psico-fisico, generazionale, culturale, razziale ed infine la diversità di genere. L’impegno nei confronti del disagio psico-fisico passa
attraverso una politica di inserimento e di attenta gestione del personale disabile, secondo la convinzione che possa essere pienamente integrato nei processi operativi e produttivi della
società. Per quanto riguarda la diversità generazionale, Edison crede che sia uno dei valori sui cui investire per il futuro perché porta ad un arricchimento di esperienze
reciproche. gualmente, l’integrazione sempre più spinta fra realtà culturali diverse, la spinta verso l’internazionalità e l’accoglienza di giovani provenienti da paesi
stranieri alimenta un importante flusso di knowledge. Infine, il tema della diversità di genere significa attenzione nei confronti delle mamme che lavorano e rispetto delle pari
opportunità. Per Edison questo si traduce nella valorizzazione dei bisogni delle donne e mamme in termini di pari opportunità professionali e attenzione al rispetto
dell’equilibrio famiglia – lavoro. In particolare, domani 21 maggio Edison aprirà le porte dello storico Palazzo di Foro Buonaparte 31 a Milano ai figli di tutti i dipendenti, che
potranno così conoscere il luogo di lavoro dei propri genitori.

«Nell’epoca della globalizzazione e della «società aperta» la diversità non diventa solo un valore universale ma anche un’opportunità», così
come la serenità sul posto di lavoro costituisce un’importante componente della motivazione dei dipendenti» ha dichiarato Umberto Quadrino, Amministratore delegato di Edison.
«Attraverso quest’iniziativa, il nostro gruppo, che opera in una prospettiva internazionale e con un consolidato bagaglio di professionalità eterogenee, ha voluto segnare un
impegno ancora più deciso nella valorizzazione delle differenze e dell’attenzione alle esigenze dei propri collaboratori. La nostra attività ci porta a essere presenti in Oriente
come in Occidente, siamo dunque come un ponte ideale tra diverse persone, culture e modi di agire».

Leggi Anche
Scrivi un commento