Dl anticrisi, frenati gli accessi ai bonus ricerca

 

La legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007) ha istituito un credito d’imposta automatico in favore delle imprese per lo svolgimento di attività di ricerca
industriale e sviluppo precompetitivo, di cui troverete una breve nota informativa in allegato.
Il credito d’imposta è pari al 10% dei costi di ricerca e sviluppo e pari al 40% sull’importo di attività di ricerca affidate
all’Università. 

Fino al periodo d’imposta 2007, la fruizione di detto credito d’imposta è stata automatica. Dal periodo d’imposta 2008, per fruire del credito i soggetti
interessati, in conformità all’articolo 29 del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185, devono presentare all’Agenzia delle entrate un formulario contenente i dati
delle attività di ricerca e sviluppo agevolabili. L’invio del formulario vale come prenotazione dell’accesso alla fruizione del credito d’imposta per i progetti
di R&S realizzati nell’esercizio 2008 e da realizzare nell’esercizio 2009.

Inizialmente, l’agenzia delle Entrate aveva emanato un apposito formulario e fissato la data per la prenotazione al 28 gennaio 2009. Successivamente, tale scadenza è stata
annullata, e rinviata a data da destinarsi a causa delle variazioni normative introdotte dal cd “Decreto Anticrisi”.

Si ritiene che la nuova scadenza verrà fissata per il mese di marzo 2009. Vista la limitazione delle risorse disponibili per tale agevolazione, si raccomanda la presentazione del
formulario entro breve tempo dall’apertura dei termini e certamente entro i primissimi giorni di apertura della procedura.

Si ricorda che, qualora l’azienda abbia presentato domanda e ottenuto finanziamenti nell’ambito di bandi regionali (es. PRRIITT dell’Emilia Romagna) e nazionali (es.
FIT, FAR, ecc.), il credito d’imposta è CUMULABILE con i benefici ed i finanziamenti già ottenuti sui costi sostenuti e rendicontati nell’esercizio 2008.

Parma Tecninnova S.r.l. dispone delle competenze per assistere l’azienda in tutti i passi previsti al fine di usufruire dell’importante beneficio del credito
d’imposta, ed in particolare:

  • valutare in via preliminare la fattibilità del progetto e dei requisiti richiesti dalla normativa per accedere al credito d’imposta, con eventuale indicazione degli
    accorgimenti da adottare;
  • predisporre la documentazione tecnico-scientifica e contabile-amministrativa a giustificazione dei costi di R&S;
  • predisporre la documentazione necessaria alla fruizione del credito d’imposta.
Leggi Anche
Scrivi un commento