Dimissioni volontarie dei lavoratori

Le dichiarazioni dell’Onorevole Ministro Sacconi, rese nell’occasione del convegno dei giovani imprenditori di Confindustria, in relazione alla «cancellazione della legge che impone
procedure rigide per le dimissioni volontarie dei lavoratori», dopo un primo attimo di perplessità ha causato tra le donne della UIL una forte preoccupazione.

Comprendiamo che la rigidità non è mai foriera di opportunità, tuttavia vorremmo ricordare all’On.le Ministro che le norme, introdotte recentemente e da lui così
disprezzate, hanno frenato i licenziamenti indiscriminati di lavoratrici la cui unica colpa era quella di esercitare oltre al diritto al lavoro anche quello di essere mogli ed eventuali madri.

Facciamo questo richiamo al Ministro anche nella sua qualità di Presidente del Comitato Nazionale di Pari Opportunità invitandolo a riflettere.

Leggi Anche
Scrivi un commento