Dal sapone, un’arma contro la toxoplasmosi

Dal sapone, un’arma contro la toxoplasmosi

Un ingrediente di un comune sapone può essere trasformato in arma contro la toxoplasmosi, malattia parassitaria in grado di colpire circa 2 miliardi di persone nel mondo con conseguenze
gravi.

Questa la spina dorsale di una ricerca dell’Università di Chicago, diretta dalla dottoressa Rima McLeod e pubblicata sul “Journal of Medical Chemistry”.

Gli studiosi puntano sul triclosan, antibatterico presente in molti detergenti. In base alle loro osservazioni, tale sostanza è in grado di colpire il Toxoplasma gondii (o T.
gondii, parassita della toxoplasmosi), bloccando un enzima indispensabile per la sua sopravvivenza.

Il triclosan non può diventare direttamente un farmaco perché non si scioglie nel sangue; tuttavia, i ricercatori stanno analizzando la sua struttura molecolare, per ricavarne
farmaci utilizzabili.

La toxoplasmosi colpisce i soggetti che consumano carne cruda o poco cotta inquinata con agenti esterni (tra cui le feci di gatto).

Secondo i medici, la malattia interessa (a seconda delle zone) dal 3 al 70% degli adulti e risulta particolarmente pericolosa per le donne in gravidanza.

Se infatti colpisce il feto, il Toxoplasma può causare idrocefalia, lesioni cerebrali, ritardo mentale, epilessia, capacità visiva ridotta e perfino cecità.

Quindi, il lavoro della squadra dell’Università di Chicago acquista ancora più importanza.

FONTE: Suresh K. Tipparaju, Stephen P. Muench, Ernest J. Mui, Sergey N. Ruzheinikov, Jeffrey Z. Lu, Samuel L. Hutson, Michael J. Kirisits, Sean T.
Prigge, Craig W. Roberts, Fiona L. Henriquez, Alan P. Kozikowski, David W. Rice and Rima L. McLeod, “Identification and Development of Novel Inhibitors of Toxoplasma gondii Enoyl Reductase”, J.
Med. Chem., 2010, 53 (17), pp 6287-6300, Publication Date (Web): August 10, 2010 (Article), DOI: 10.1021/jm9017724

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento