Cotte con l’elettroshock, le patate contengono più ossidanti

Cotte con l’elettroshock, le patate contengono più ossidanti

Chi vuole le patate con alte quantità di ossidanti deve cuocerle tramite scariche elettriche.

Questa l’idea di una ricerca dell’Università di Obihiro (Giappone), diretta dal dottor Kazunori Hironaka e presentata all’attuale riunione dell’American Chemical Society.

Il team di Obihiro ha osservato come, quando le piante sono colpite da stress come siccità ed altre condizioni di difficoltà, reagiscono aumentando la dose di antiossidanti.

Allora, gli scienziati hanno preso dei tuberi e li hanno immersi in soluzione salina per 10 secondi, dopodiché li hanno sottoposti ad elettroshock per circa 10-30 minuti. Risultato: gli
antiossidanti del vegetale erano aumentati del 60%. Inoltre, assicurano gli esperti, l’uso dell’elettricità ha un costo limitato.

Nel secondo test, gli studiosi hanno sottoposto le patate ad ultrasuoni, normalmente usati per analizzare l’organismo delle donne incinte. Alla fine della procedura, il vegetale aveva aumentato
del 120% i livelli di polifenoli e del 160% quelli di antiossidanti.

Insomma Hironaka ritiene che entrambi i sistemi siano “Metodi poco costosi che possono rendere alimenti sempre presenti sulle nostre ancora più nutrienti: la patata è il quinto
cibo più consumato al mondo e il quarto più prodotto”.

Piccolo avvertimento: il capo-ricercatore ammette che l’effetto dei sistemi di cottura sul gusto delle patate è ancora ignoto.

Fonte: “Electrifying findings: New ways of boosting healthful antioxidant levels in potatoes”, “American Chemical Society 22/08/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento