Conversazioni sull'Amarone: il Bosan si racconta

Gerardo Cesari vi invita alla verticale tutta dedicata all’Amarone Bosan, la cui annata 2001 ha recentemente conquistato la Gran medaglia d’oro al Concorso enologico internazionale di Vinitaly
2008, il Premio Speciale come miglior vino Veneto-Trentino-Emiliano e la medaglia d’oro al Challenge International du Vin 2008, importante concorso enologico francese.

L’evento si svolgerà giovedì 22 maggio presso il ristorante Paradosso di via Santa Maria Segreta 7/9 a Milano e sarà un’occasione unica per conoscere questo grande vino, ma
anche la storia della Gerardo Cesari, che ha contribuito al successo della Valpolicella nel mondo.

Fondata nel 1936 – lo stesso anno a cui le storie più accreditate fanno risalire la nascita dell’Amarone – la Gerardo Cesari è divenuta sinonimo di vini storici e di territorio
del Veronese in tutto il mondo. Già negli anni Settanta, infatti, l’Amarone Cesari è tra i primi a raggiungere i mercati dei cinque continenti.
Oggi la Gerardo Cesari si pone nuovi obiettivi: proporre vini «moderni» nel rispetto della tradizione, produrre in modo sostenibile per l’ambiente e garantire il consumatore, grazie
a una attenta certificazione di processo e di prodotto. Un’azienda, dunque, in continua evoluzione che al tempo stesso valorizza la propria storia.

Giovedì 22 maggio al Paradosso sarà quindi protagonista l’Amarone della Valpolicella Doc Bosan con una verticale di quattro annate: 1997, 1998, 2000 e 2001. Si potrà capire
l’evoluzione di questo grande vino e l’influenza determinata dai differenti andamenti climatici, dal lavoro in vigna e in cantina.

Durante la verticale interverranno Franco Cesari, presidente dell’azienda, l’enologo Luigi Biemmi e Onav Lombardia, che si occuperà di guidare la degustazione. Seguirà la cena
ideata per l’occasione dallo chef-patron del Paradosso, Danilo Angè, giovane promessa della ristorazione nazionale, che presenterà una sequenza di piatti studiati per un perfetto
abbinamento con i vini Gerardo Cesari. E ancora sarà occasione per degustare un’altra bottiglia premiata al Challenge du Vin 2008 con la medaglia di bronzo: il Ripasso Bosan Valpolicella
Superiore 2005.

Si comincerà, dunque, con l’aperitivo accompagnato da Nibai Soave Classico Doc 2007, mentre durante la cena si alterneranno nei calici il Cento Filari Lugana Doc 2007, il Ripasso Bosan
Valpolicella Superiore Doc 2005, il Bosco Amarone della Valpolicella Classico Doc 2003, per concludere con il Recioto della Valpolicella Classico Doc 2006.

Leggi Anche
Scrivi un commento