Confagricoltura ieri in tutta Italia a “Le Piazze del Bio”

Confagricoltura ieri in tutta Italia a “Le Piazze del Bio”

Ieri in venti piazze delle principali città italiane, cuore da sempre dell’attività dei nostri Comuni, i cittadini possono gustare sapori naturali e conoscere i vantaggi del
biologico per la salute e l’ambiente.All’evento, promosso dal ministero delle Politiche agricole, partecipa anche Confagricoltura con i suoi produttori.

Una vetrina importante per un settore che è in rapida espansione, con più di un milione di ettari dedicati e 49.654 operatori, di cui: 42.037 produttori; 5.047 preparatori
(comprese le aziende che effettuano attività di vendita al dettaglio); 2.324 che effettuano sia attività di produzione che di trasformazione; 51 importatori esclusivi; 195
importatori che effettuano anche attività di produzione o trasformazione.

I principali orientamenti produttivi, ricorda Confagricoltura, interessano foraggi, prati e pascoli, e cereali, che nel loro insieme rappresentano il 70% circa della superficie ad agricoltura
biologica. Segue, in ordine di importanza, l’olivicoltura. Per le produzioni animali, distinte sulla base delle principali tipologie produttive, i dati evidenziano un generale incremento del
numero di capi allevati con metodo biologico.

“Le piazze del Bio” sono un’occasione importante per questo settore, per farsi conoscere dai consumatori e uscire dalla “nicchia” in cui spesso viene relegato.

Il sistema italiano del biologico, spiega Confagricoltura, vive, infatti, ancora in una condizione di nanismo. La nostra produzione deve accrescere i propri volumi per soddisfare l’aumentata
richiesta da parte dei trasformatori e dei consumatori.

Gli indicatori economici, anche in un periodo di crisi come questo, dimostrano l’interesse per questo settore. Più prodotto italiano vuol dire più sicurezza alimentare e certezza
di qualità per il consumatore. E benefici per l’ambiente che derivano da un uso più sostenibile del territorio.

La certificazione della produzione è, a parere di Confagricoltura, fondamentale per la libera circolazione delle merci in Europa e nel mondo, ma non deve rappresentare un costo
eccessivo, sia in termini burocratici che economici.

Leggi Anche
Scrivi un commento