Clima, Legambiente: “McKinsey conferma che la strategia vincente si basa sulla riconversione energetica settori edilizio e trasporti”

 

“Inutile continuare a far la guerra al Pacchetto clima ed energia dell’Ue sperando di allungarne i tempi al 2030 in attesa della realizzazione di nuove centrali
nucleari e del ricorso al Clean development mechanism (Cdm). La strategia intelligente e vincente è quella che si basa sulla comprensione delle grandi opportunità che
l’appuntamento al 2020 offre a chi saprà sfruttarle puntando sull’innovazione e sulla riconversione ecosostenibile della produzione e dell’economia. Lo studio
inoltre, evidenzia correttamente che se non ci si impegna concretamente nel raggiungimento degli obiettivi, a pagare le conseguenze peggiori saranno i settori dell’energetico e
del manifatturiero”.

Così Edoardo Zanchini, responsabile energia di Legambiente, intervenuto oggi al convegno sul cambiamento climatico organizzato a Roma da Confindustria, commenta lo studio
McKinsey commissionato da Enel presentato nel corso dell’incontro.

“Quel che emerge con forza – ha sottolineato Zanchini – è il fatto che in Italia c’è urgente bisogno di coinvolgere nel processo di conversione e
innovazione due settori: quello dell’edilizia, che attualmente col 40% dei consumi energetici totali rappresenta una vera zavorra, e quello dei trasporti che pur essendo causa del
30% delle emissioni inquinanti, risulta fuori da qualsiasi provvedimento di riduzione di Co2 e che con le priorità stabilite dal governo (Ponte sullo Stretto e nuove autostrade),
vedrà aumentare ancora le performance negative”.

Leggi Anche
Scrivi un commento