Ciclone Nargis: i primi aiuti alla popolazione del Myanmar

Brindisi – A seguito del violentissimo ciclone Nargis che ha colpito il sud del Myanmar, la Base di Pronto Intervento Umanitario (UNHRD) gestita a Brindisi dal Programma Alimentare
Mondiale, ha organizzato un ponte aereo per conto della Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri con aiuti il cui valore complessivo ammonta a
circa 560mila dollari.

Un Airbus 300 partirà oggi alla volta di Yangon City, Myanmar, al termine delle operazioni di carico attualmente in corso a Brindisi. A bordo, un carico di 25 tonnellate di aiuti
umanitari richiesti dalla Cooperazione Italiana composto da mezzi di riparo provvisorio, sistemi per la purificazione e distribuzione dell’acqua e kit sanitari.

Anche gli altri partner del network UNHRD si stanno attivando per l’invio di aiuti umanitari al Myanmar, con probabili partenze da Brindisi e da Dubai nei prossimi giorni.

Mentre il PAM ha già iniziato ieri la distribuzione di cibo a Myanmar, UNHRD ha messo a disposizione le proprie basi per garantire il supporto logistico ai diversi partner del suo
network. L’aiuto alle popolazioni colpite dal ciclone Nargis rappresenta una grande sfida logistica per l’agenzia ONU che si occupa dell’assistenza alimentare. Molte strade sono interrotte
mentre continua il lavoro delle squadre di verifica per valutare bisogni e interventi. Il PAM ha, nei suoi depositi di cibo a Yangon, circa 800 tonnellate di cibo con cui ha avviato la
distribuzione che continuerà anche oggi nei distretti più colpiti.

Leggi Anche
Scrivi un commento