Cia: Vino, ora per il Brunello si apre una pagina nuova

La Cia esprime apprezzamento per il decreto del ministro Zaia. Positiva la conclusione del contenzioso con gli Usa. Garanzie di trasparenza e nuovo impulso ad un prodotto prestigioso e fiore
all’occhiello del “made in Italy”.

Il decreto firmato dal ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali Luca Zaia mette la parola fine ad un problema che aveva messo a serio rischio l’export negli Usa di un vero
fiore all’occhiello del “made in Italy”, il Brunello di Montalcino. E ora si aprono nuove e più interessanti prospettive. E’ quanto sottolinea, con soddisfazione, la
Cia-Confederazione italiana agricoltori che mette in risalto la positività della soluzione adottata.

Adesso per il Consorzio -afferma la Cia- c’è una pagina nuova. Sarà, infatti, il primo in Italia ad applicare ulteriori importanti garanzie ad un prodotto, apprezzato
non solo negli Usa, ma anche nel resto del mondo.

Il decreto del ministro Zaia -sottolinea la Cia- ha risolto in tempi rapidi la questione con gli Stati Uniti e rilancia con forza il Brunello sui mercati internazionali, la cui
qualità non è stata, comunque, mai messa in discussione. Con il provvedimento si è data una risposta chiara in termini di trasparenza ai clienti di questo
prestigioso vino che sono molti in tutti i paesi del mondo.

Leggi Anche
Scrivi un commento