Caso Speciale: la procura di Roma chiede l'archiviazione

Dopo che il Gip Antonino Stipo aveva richiesto un supplemento d’indagine sul caso Visco – Speciale da completare entro 90 giorni, la procura di Roma ha nuovamente chiesto l’archiviazione, si
tratta dell’ultimo passo della vicenda che vede il viceministro dell’economia accusato di aver fatto pressioni sull’allora comandante della Guardia di Finanza affinché sostituisse alcuni
ufficiali di stanza a Milano.

La notizia è stata resa nota da alcune fonti giudiziarie, dopo che il Tar aveva disposto il reintegro di Speciale e dopo che l’ex comandante, in una lettera indirizzata a Napolitano,
aveva presentato le dimissioni dalla carica che non ricopriva più da giugno.
Secondo quanto si è appreso, la procura di Roma avrebbe deciso di presentare nuovamente l’istanza di archiviazione dopo aver svolto ulteriori accertamenti inerenti all’audizione di
alcuni testimoni (quali il generale Emilio Spaziante ed il colonnello Virgilio Pomponi) da cui non sarebbero emersi prove della colpevolezza di Visco.
In attesa che il Gip valuti la richiesta della procura, l’avvocato di Speciale ha annunciato che si opporrà alla richiesta di archiviazione.

Leggi Anche
Scrivi un commento