Cantone (Cgil): «aumento salari, al via nuovi contratti»

Fisco, aumento dei salari e delle pensioni, manutenzione dell’attuale modello contrattuale, sicurezza sul lavoro e precariato, sono questi i temi prioritari che i sindacati mettono sul tavolo
del confronto con il governo già a partire dalle prime settimane del nuovo anno.

«L’incontro con il governo il prossimo 8 gennaio, seppure sui temi generali, sarà l’occasione di un confronto sui temi fiscali presentati nella piattaforma riferita alla
Finanziaria» dice all’ ANSA il segretario confederale della Cgil, Carla Cantone.

Politica dei redditi e tutela dei salari saranno quindi tra i nodi al centro dell’ azione del sindacato nel giro di boa del nuovo anno. «Occorre aumentare concretamente salari e pensioni,
attraverso la manutenzione contrattuale e, nell’immediato utilizzando la leva fiscale. Riguardo agli interventi sulle pensioni di fascia medie – ricorda Cantone – vi era l’impegno del governo a
convocare le parti sociali. A gennaio dovranno partire più tavoli, su fisco e salari e quello sulle pensioni». Sul capitolo contratti, «va verificata la disponibilità
del governo a completare i rinnovi contrattuali del pubblico impiego (enti locali e sanità), e il biennio 2008-2009 per tutto il pubblico impiego. Il banco di prova per il contratto
aperto dei metalmeccanici sarà a metà gennaio l’assemblea di Federmeccanica», dice Cantone che conferma la disponibilità del sindacato al confronto con governo e
Confindustria «per verificare le condizioni di una manutenzione dell’attuale modello contrattuale, fermo restando la salvaguardia del contratto nazionale e l’aumento dell’estensione della
contrattazione nelle aziende del premio di produzione».

In parallelo, non vanno dimenticati altri due argomenti di stretta priorità: «la diminuzione della precarietà e interventi più efficaci per fermare le stragi sul
lavoro, una vergogna di cui tutti si devono far carico, non solo il sindacato che lo chiede da tempo».

Leggi Anche
Scrivi un commento