Cantina Tolo: un successo internazionale

Nuovi, importanti successi internazionali per i prodotti di Cantina Tollo, il Challenge International Du Vin di Bordeaux, da oltre 30 anni una delle più prestigiose
rassegne internazionali, ha assegnato infatti una medaglia a ben 6 vini della cantina abruzzese.

Quattro argenti e due bronzi, è questo il «bottino» conquistato da Cantina Tollo in occasione dell’importante vetrina francese. La medaglia d’argento l’hanno conquistata
Hedòs 2007 Montepulciano d’Abruzzo Cerasuolo, Pecorino 2007 IGT Terre di Chieti, Colle Secco Rubino 2004 Montepulciano d’Abruzzo DOC, Cagiolo 2005 Montepulciano
d’Abruzzo DOC.
La medaglia di bronzo è stata invece assegnata a Cretico 2006 IGT Terre di Chieti e a Valle d’Oro 2007 Montepulciano d’Abruzzo
DOC.

Un numero notevole di vini premiati, dunque, che conferma i successi già ottenuti nella scorsa edizione del Challenge e qualifica Cantina Tollo come la prima
cantina d’Italia
per numero di medaglie assegnate nell’edizione 2008.

E per comprendere l’importanza dei riconoscimenti assegnati a Bordeaux, basta pensare che per l’evento ogni anno un migliaio di degustatori professionisti (sommelier, enologi, etc?) giudicano
oltre 5.000 vini provenienti da più di 40 paesi nel mondo. Dei vini in concorso, solo una percentuale intorno al 25- 30% è riconosciuta adatta all’assegnazione di una
medaglia.

Risultati che confermano la capacità degli enologi di Cantina Tollo mantenere una costanza qualitativa eccellente con numeri importanti, un aspetto su cui la cantina abruzzese ha
costruito la sua leadership nazionale: «Vedere premiati ancora una volta i nostri vini in un concorso internazionale così prestigioso ci motiva ulteriormente nel raggiungere
gli obiettivi di eccellenza che ci siamo posti» afferma il Direttore Generale Giancarlo Di Ruscio «a questo importante risultato si aggiunge il fatto che
non è stato premiato un vino in particolare, ma tutti i vini simbolo della regione Abruzzo, portando così Cantina Tollo a rappresentare, sia sui mercati nazionali che esteri, un
punto di riferimento della nuova e promettente realtà enologica abruzzese.«

Leggi Anche
Scrivi un commento