Canoni demaniali, Albonetti: “Offensiva comune contro aumento vessatorio”

Albonetti ha sottolineato che «non si tratta di aumenti dei canoni, ma di vere e proprie offensive contro la stessa esistenza delle imprese balneari, un aumento – ha spiegato – e’ quando,
valutata l’inflazione e gli indici Istat, si decide di rivedere un’aliquota per aggiornarla.

Un conto e’, invece, quando l’aumento va dall’800 al 1.200 per cento di quello che e’ stato il canone dello scorso anno».

Noi – ha aggiunto – non parliamo di aumenti, ma di veri e propri eventi vessatori che possono mettere a rischio l’esistenza stessa di parecchie imprese del settore».
Per Albonetti, come si e’ lottato ed ottenuto, di conseguenza, un risultato per la questione degli aumenti del 300 per cento, analogamente sara’ messa in campo «Un’offensiva» per
ostacolare «questa vessazione». Assoturismo «teme – ha concluso Albonetti – che se oggi tocca alle pertinenze, domani potrebbe toccare agli alberghi e poi ai bar e poi ai
ristoranti.
Per scongiurare questo chiamiamo a raccolta tutto il mondo delle piccole e medie imprese di del turismo, del commercio e dell’artigianatoper fare fronte comune».

Leggi Anche
Scrivi un commento