Brio partecipa a Biofach con i suoi prodotti alimentari bio

Brio partecipa a Biofach con i suoi prodotti alimentari bio

Zevio – Nuovo appuntamento internazionale per BRIO, azienda leader nella commercializzazione di prodotti alimentari bio, che oltre alla capofila italiana conta due società collegate in Germania (BRIO Deutschland a Monaco) e in Francia (BRIO France a Monteleger e Perpignan).

Dopo la presenza al Fruit Logistica di Berlino, la società di Campagnola di Zevio (VR), che vanta un’esperienza ultra ventennale nel settore, partecipa infatti a Biofach, la più importante rassegna mondiale dedicata al biologico in programma a Norimberga dall’11 al 14 febbraio.

Un appuntamento decisamente strategico in quanto riunisce i principali buyer e operatori mondiali del comparto (nel 2014 il quartiere fieristico della città tedesca ha “ospitato” oltre 2.260 espositori e quasi 42.500 visitatori provenienti da più di 100 paesi) e quest’anno incentrato in particolare sull’analisi delle potenzialità future del biologico, come indica lo slogan Organic 3.0.

Si tratta di un settore in costante crescita come dimostrano i dati secondo i quali nel 2014 nel nostro paese la domanda di questi prodotti è aumentata dell’8%, rispetto all’anno precedente, la percentuale di consumatori di alimenti bio ha raggiunto il 59% e il fatturato complessivo si è collocato sui 3,6 miliardi di euro tra mercato interno ed estero.

“Per rafforzare ulteriormente la propria presenza all’interno di questo comparto – dichiara il presidente Gianni Amidei – BRIO ha recentemente realizzato un importante processo di aggregazione e l’appuntamento di Biofach rappresenta il palcoscenico ideale per la sua presentazione internazionale: sono infatti entrati nella sua compagine societaria alcuni nuovi soci, protagonisti di primo piano del settore ortofrutticolo, come Agrintesa, Apo Conerpo e Alegra. Nello stesso tempo, la cooperativa La Primavera, pioniera del biologico italiano e fondatrice della stessa BRIO, ha aderito ad Agrintesa e ad Apo Conerpo”.

“L’obiettivo di questa operazione – prosegue Amidei – è conquistare la leadership nella produzione e commercializzazione dell’ortofrutta coltivata con tecniche naturali e certificate, rispettose della salute e dell’ambiente”.

“Complessivamente, – dichiara il direttore generale di BRIO, Andrea Bertoldi – il gruppo commercializza circa 330.000 quintali di prodotti bio con un fatturato di quasi 56 milioni di euro ottenuto per il 90% dalla vendita di ortofrutticoli”. “In questo scenario – prosegue Bertoldi – nel 2014 il marchio Alce Nero, che ‘firma’ la produzione di ortofrutta biologica dei soci BRIO dedicata al canale della Grande Distribuzione Organizzata, ha fatto registrare un lusinghiero +27,8% delle vendite in valore e un incremento del 7% in volume (dati Nielsen rilevati a fine dicembre)”. “BRIO – conclude il direttore generale – condivide molti valori alla base dell’azione quotidiana di Alce Nero di cui è diventata socia nel 2011. Dalla collaborazione con questo importante protagonista del biologico (che conta oltre 1.000 agricoltori e apicoltori) è nata una linea di ortofrutta fresca di gamma top con referenze distintive per qualità e sapore. Tra gli obiettivi dell’aggregazione anche lo sviluppo di nuovi canali commerciali sui mercati esteri”.

http://www.briospa.com

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento